Il 25 marzo l’eurodeputata portoghese Ana Gomes ha accusato davanti al Parlamento europeo il primo ministro maltese Joseph Muscat di “continuare” a proteggere gli assassini di Daphne Caruana Galizia.

La pesante insinuazione della deputata socialista portoghese, arrivata durante un dibattito sullo stato di diritto a Malta, ha scatenato una tempesta politica nell’isola del Mediterraneo.

Parole come “traditori” e “patrioti” sono state usate e abusate per aizzare gli animi, soprattutto contro gli eurodeputati maltesi dell’opposizione accusati di aver complottato sul palcoscenico europeo contro il governo di Muscat.

A livello internazionale l’immagine di Malta come meta turistica soleggiata di grande interesse storico si è trasformata in quella di un paradiso fiscale dove dominano l’impunità e il nepotismo e dove una giornalista è stata fatta saltare in aria nella sua macchina.

Ma sul fronte domestico la percezione è molto diversa. […]

Continua a leggere l'articolo su Internazionale.it