Come avevamo previsto le elezioni europee si sono rivelate un referendum sui partiti di governo: il Partito di centro (centrosinistra), il conservatore Pro Patria e l'estrema destra Ekre. Dopo che Partito di centro ha invitato l'Ekre ai negoziati di coalizione a marzo, è stato ampiamente criticato dai mezzi d'informazione, dalle organizzazioni della società civile, dall'opposizione e persino da alcuni membri dello stesso partito.

Una serie apparentemente infinita di scandali ha costretto il primo ministro Jüri Ratas a scusarsi quasi ogni giorno per il comportamento del suo partner di coalizione. Ekre detiene ora il record per il ministro con il mandato più breve (29 ore), dopo che il ministro per l'informatica e il commercio estero ha dovuto dimettersi dopo essere stato accusato di abusi domestici di serie.

Ekre ha chiesto che i giornalisti "di sinistra" che lavorano nelle emittenti pubbliche siano "puniti", ha promesso di smantellare lo "stato profondo", e ha messo in imbarazzo anche Marine Le Pen con alcuni deputati che hanno ripetuto gesti propri dei suprematisti bianchi americani. Se a questo si aggiungono deludenti proiezioni sulle entrate, che hanno portato a piani di tagli di bilancio, si capisce perché il nuovo governo non è esattamente sommerso dalla popolarità.

Retorica di governo contro retorica incendiaria

I risultati delle elezioni europee riflettono questa insoddisfazione. Anche se le elezioni sono sempre state concentrate più sulle personalità che sulla politica di partito, il risultato è comunque eloquente. I partiti di opposizione, i Socialdemocratici e il Partito liberale riformista, hanno ottenuto insieme il 49,5 per cento dei voti e quattro seggi su sei al parlamento europeo. I partiti extraparlamentari più piccoli hanno raccolto un altro 5,9 per cento dei voti.

Raimond Kaljulaid, ex membro del Partito di centro, che ha lasciato il partito per protestare contro il suo sostegno all'estrema destra, ha ottenuto il 6,2 per cento dei voti. Altrettanto preoccupante per il Partito di centro deve essere la perdita del voto tradizionale della comunità russofona. Nel distretto Lasnamäe, a Tallinn, per lo più di lingua russa, il partito ha perso la metà dei voti che aveva ottenuto nelle scorse elezioni europee. E l'unico seggio ottenuto è andato a Yana Toom, un altro importante critico dell'attuale coalizione.

In termini di politica europea, la distribuzione dei sei seggi dell'Estonia è cambiata poco: l'estrema destra ha ottenuto un mandato, ma la maggior parte dei seggi è andata agli affiliati a Renew Europe (liberali). Sul piano interno, tuttavia, si prospettano tempi interessanti. Ora che il partito di centro non deve più combattere le elezioni, deve concentrarsi sul governo. A pochi mesi dall'inizio del suo nuovo mandato quadriennale, il partito sta già mostrando segni di stanchezza. La quotidiana cascata di retorica incendiaria di EKRE è frustrante per entrambi i partner della coalizione.

Nei prossimi mesi potrebbero verificarsi scioperi da parte di universitari, soccorritori e minatori. Per i politici del Partito di centro che stanno in zone tradizionalmente di sinistra, o di lingua russa o che già personalmente trovano ripugnante l'estrema destra, i risultati elettorali europei sono un segno inquietante.

idq8xcfe8fl867l2zsgitp