La disfatta di Syriza alle elezioni europee e alle concomitanti elezioni locali in Grecia, e il trionfo del partito liberalconservatore Nuova Democrazia, sono stati confermati alle politiche del 7 luglio. Per motivi vari e a volte oscuri, le questioni di politica europea non sono state presenti in nessuna delle campagne.

Ci sono state almeno tre distrazioni che hanno fatto sì che la gente smettesse di pensare alle elezioni europee di per sé e si concentrasse invece su ciò che caratterizzava specificamente la situazione greca il 26 maggio, giorno del voto.

La suspense intorno a DiEM25

DiEM25 potrebbe anche essere chiamato il Fronte europeo di disobbedienza realistica, anche se il suo vero nome è Movimento Democrazia in Europa 2025. Le previsioni per il nuovo partito politico paneuropeo variavano dal 2,99 al 3,01 per cento. Ma alla fine il partito non è riuscito a ottenere il 3 per cento necessario per assicurarsi un seggio nel parlamento europeo.

Così Yanis Varoufakis, l'ex ministro dell'economia che ha dominato il primo anno di governo di Syriza in Grecia (2015), è arrivato alle soglie del parlamento europeo. O meglio il suo movimento, Varoufakis stesso si è candidato alle elezioni senza successo a Berlino e non ad Atene. Così l'intera discussione sul risultato finale di DiEM25 si è rivelata una sorta di doppia distrazione dalla vera importanza delle elezioni europee in Grecia.

Il nome del generale

Un altro nuovo partito politico che si è presentato a maggio è conosciuto come Soluzione greca. Tutto fuorché paneuropeo, è stato guidato con successo da Kyriakos Velopoulos, giornalista e autore dei tre volumi (quasi di culto) Greece Bleeds ("la Grecia sanguina", non tradotto), per non parlare di un ex deputato del partito di estrema destra Laos e ex membro di Nuova Democrazia. Il partito di destra ha vinto un non trascurabile 4,18 per cento, sufficiente per assicurarsi un seggio nel prestigioso parlamento europeo.

Tuttavia, sembra che molti elettori abbiano confuso il nome di Fragkos Fragkoulis – un noto ex capo di stato maggiore dell'esercito ed ex ministro della difesa – con quello del dentista venticinquenne Emmanouil Fragkoulis. Si dice che abbia usato il suo soprannome (apparentemente "Fragkos") sulla scheda di voto, dove figurava quindi come "Fragkos Fragkoulis". Le prime stime non ufficiali indicavano che il famigerato dentista venticinquenne potrebbe aver raccolto ben 11.000 voti, proprio grazie al soprannome che gli era stato riconosciuto.

Il generale era invece furioso per il tentativo di usare il suo nome in modo che gli elettori greci potessero comprensibilmente ricevere la falsa impressione che egli stesse correndo per diventare deputato europeo. Tuttavia, l'ex militare non ha emesso alcuna ingiunzione prima delle elezioni né ha sporto denuncia in seguito. Così il dibattito pubblico è passato dal vero scopo delle elezioni del parlamento europeo a un caso singolare di etichettatura ingannevole.

Le dimissioni di Semina Digeni

Nonostante l'assunto comune e giustificato che un seggio al parlamento europeo sia più prestigioso, lussuoso e certamente meglio retribuito di un seggio al Parlamento greco, l'eminente giornalista e scrittrice Semina Digeni ha preso la decisione senza precedenti – poco dopo essere stata eletta deputata al Parlamento europeo nelle file del partito comunista greco – di presentare le sue dimissioni per potersi candidare allo stesso partito alle elezioni politiche del 7 luglio.

La decisione inaspettata della Digeni ha costituito il terzo e ultimo chiodo nella bara delle elezioni europee in Grecia. È intervenuto anche come un chiaro segnale che per molte buone ragioni le politiche si sarebbero rivelate molto più importanti del recente voto europeo.

tckn9lupgzlt6pc9kybci