Alla domanda di un giornalista se promuove ancora il "modello austriaco" (la cooperazione del centrodestra con la destra radicale) dopo lo scandalo Ibizagate, il primo ministro Viktor Orbán ha risposto: "Ora sono passato al modello italiano". Ha detto che Fidesz rimane membro del Partito Popolare Europeo (Ppe, dove la sua adesione è sospesa), ma non esclude di lasciarlo del tutto.

Questa dichiarazione rifletteva quanto fossero profondamente convinti una volta lui e il suo partito che i populisti avrebbero fatto un importante passo avanti in Europa, benché nessun esperto avesse previsto un grande terremoto politico.

E il "miracolo" non si è mai materializzato. Nel complesso, la destra euroscettica ha aumentato leggermente la sua quota di seggi nel Parlamento europeo, dal 23 al 26 per cento. Questo li rende a malapena una forza importante; e (che sorpresa!) rimangono divisi. Con il sogno di un blocco euroscettico che dominasse l'assemblea, la Fidesz sta facendo del suo meglio per riconquistare il sostegno della leadership del Ppe e riconquistare la piena adesione.

Naturalmente, Orbán non ammetterà mai di aver sbagliato. Afferma invece il suo successo personale nel vedere fuori Manfred Weber e Franz Timmermans, presentati come "candidati di Soros" per la presidenza della Commissione europea. È stata invece scelta Ursula von der Leyen, madre di sette figli: i valori conservatori sono tornati nell'Unione europea.

Contrariamente alle aspettative, la Fidesz non ha ottenuto i due terzi dei voti in Ungheria ungheria a maggio. Ciononostante, mantiene una netta maggioranza con il 52,3 per cento e 13 dei 21 mandati. Il crescente peso finanziario e organizzativo del partito, rafforzato da un sistema politico sempre più autoritario, sembra dare i suoi frutti. Eppure, le spese elettorali quasi inconcepibilmente elevate, il dominio sui mezzi d'informazione (soprattutto nelle campagne) e le liste elettorali illegali e non ufficiali suggeriscono una situazione di grande ingiustizia, anche se formalmente, le elezioni sono libere.

Il significativo scompigliamento dei partiti di opposizione (il più grande dal 2010) non era stato previsto dai sondaggisti. Il partito liberale Momentum è emerso solo due anni fa, dopo aver condotto con successo una campagna di petizione contro l'altro sogno di Orbán di ospitare i giochi olimpici a Budapest. Alle europee ha ottenuto il 10 per cento dei voti e si è unito a Renew Europe (ex Alde, liberali). Si tratta di un aumento significativo rispetto al 3 per cento ottenuto nelle politiche del 2018, e sufficiente per inviare due deputati al parlamento europeo, tra cui Katalin Cseh, ora vicepresidente di Renew Europe.

Il partito dell'ex primo ministro Ferenc Gyurcsány, l'Unione Democratica (DK, affiliato a S&D), ha triplicato la sua quota, raggiungendo quasi il 17 per cento. Entrambi i partiti di opposizione hanno come leader dei candidati donne. I socialisti tradizionali ungheresi (Mszp), una volta il più forte rivale della Fidesz, hanno invece ottenuto solo il 6 per cento dei voti, suggerendo che questo è l'inizio della fine del partito. L'estrema destra Jobbik, avversario primario della Fidesz, è nella migliore delle ipotesi in modalità di sopravvivenza, mentre i Verdi sono sostanzialmente scomparsi.

I risultati rivelano che il dominio della politica identitaria (da entrambe le parti) e la polarizzazione della società sembrano destinati a continuare. Mentre questo spingerà ulteriormente la Fidesz verso l'illiberalismo in un panorama politico profondamente diviso, il partito al potere cercherà di tornare al mainstream europeo, che rimanga o meno membro del Ppe. Il prossimo test politico è rappresentato dalle elezioni comunali di ottobre, dove l'opposizione si sta unendo nelle grandi città. Ma lo slancio sembra mancare ancora una volta per una svolta politica, per cui un "momento di Istanbul" sembra improbabile.

6fz5cjipw3wdat84yjb8q