Alcune decisioni di reale importanza per i Balcani occidentali potrebbero essere finalmente affrontate ora che le elezioni europee sono terminate. La pubblicazione delle relazioni annuali della Commissione europea sulla regione è stata rinviata fino a dopo le elezioni, per non suscitare un'ondata populista sulla delicata questione dell'allargamento prima del voto. Con le relazioni ora disponibili, in alcune capitali si comincia a manifestare un'apprensione che sfiora il panico.

Tutti gli occhi sono puntati sulla Macedonia del Nord. Il paese ha firmato lo storico accordo di Prespa con la Grecia la scorsa estate, aggiungendo "Nord" al suo nome e risolvendo l'annosa disputa sulla proprietà del nome (e della storia associata) della Macedonia. Come ricompensa, la commissione europea ha raccomandato all'Ue di avviare immediatamente colloqui di adesione con Skopje.

Ma i singoli Stati membri dell'Ue non "parlano con la stessa voce" sulla questione dell'allargamento, e i negoziati di adesione della Macedonia settentrionale sono stati collegati in modo controverso con quelli dell'Albania. Secondo quanto riferito, questa non è una mossa che il partito della cancelliera tedesca Angela Merkel sostiene, mentre la Francia è stata particolarmente reticente nei confronti dell'allargamento in sé. Gli Stati membri dell'Ue avrebbero dovuto discutere l'apertura dei negoziati con la Macedonia del Nord in una riunione a Lussemburgo alla fine del mese, ma Parigi e Berlino hanno rinviato la discussione a settembre.

Il piede dell'UE che si trascina

Nel frattempo, i leader di Skopje e i loro sostenitori all'estero hanno avvertito che l'incapacità dell'Unione europea di premiare la Macedonia settentrionale per il suo storico compromesso con Atene potrebbe essere catastrofica. Il primo ministro Zoran Zaev ha dichiarato che si dimetterà se l'Ue rifiuta di aprire i negoziati. Ha avvertito che anche le elezioni anticipate sono una possibilità. Alcuni analisti prevedono che il fallimento dei negoziati di adesione significherà un crescente euroscetticismo non solo nella Macedonia del Nord ma in tutti i Balcani, sostenendo che il paese potrebbe cadere vittima di altre influenze straniere più maligne.

Ritardare una decisione sul futuro della Macedonia del Nord nell'Ue potrebbe avere anche altre conseguenze. Il partito conservatore Nuova democrazia ha battuto Syriza al governo nelle elezioni europee in Grecia, spingendo il primo ministro Alexis Tsipras – che ha ratificato l'accordo di Prespa con Zaev – a indire elezioni anticipate per il 7 luglio. Nuova Democrazia si oppone all'Accordo di Prespa. Se anche Zaev indice elezioni anticipate, c'è una remota possibilità che l'intero accordo di Prespa possa essere messo in pericolo. Anche se tale scenario non si concretizza, il trascinarei piedi dell'Ue e la volatilità politica percepita nella regione significa che la sua credibilità riceverà un duro colpo.

La carta del Kosovo

La relazione della commissione europea sulla Serbia è stata molto più critica rispetto agli anni precedenti. Ha sottolineato il continuo boicottaggio del parlamento da parte dell'opposizione, cominciato a febbraio. I principali partiti dell'opposizione hanno dichiarato che non torneranno in parlamento finché il paese non avrà mezzi di comunicazione liberi e non sarà in grado di tenere elezioni libere ed eque. L'incapacità del presidente Aleksandar Vučić di convincere l'opposizione a tornare in parlamento per quasi sei mesi ha frustrato i leader europei. Dimostra che Vučić non ha più il controllo di una delle principali istituzioni di potere, rendendo le sessioni parlamentari essenzialmente inutili.

A giugno è stata convocata in Parlamento una sessione speciale sul Kosovo, la prima sessione di questo tipo in sei anni. Vučić ha detto quello che i suoi sostenitori sempre più frustrati all'interno dell'Ue volevano sentire: che il Kosovo è stato perso, che il compromesso significa vittoria, non sconfitta. Ma con il boicottaggio dell'opposizione, è stato poco più che un teatro politico per un pubblico straniero. Per riportare l'opposizione in parlamento, Vučić sarà incline ad usare tutti i mezzi a sua disposizione, compreso il ricatto politico. Nel frattempo, probabilmente continuerà a giocare la carta del Kosovo con i leader europei, soffocando la possibilità di una soluzione imminente, o temendo i disordini che solo lui può controllare, per tutto il tempo che rimarrà al potere.

Stato di diritto contro le sfere d'influenza.

Il vicino Montenegro, non sembra vicino a un cambiamento. Lo stesso uomo, Milo Đukanović, è al potere da 30 anni. La relazione della commissione europea ha messo in evidenza le evidenti questioni relative allo stato di diritto del paese. Đukanović ha imparato molto tempo fa a convincere i suoi partner occidentali che dovrebbero lasciar da parte questi problemi e offrire al Montenegro l'adesione a varie istituzioni per impedire ad altri attori stranieri, in particolare alla Russia, di acquisire una posizione più forte nel paese. Per quanto tempo questo messaggio continuerà a risuonare con l'Ue, e conquale costo, rimane da vedere.

L'esito delle elezioni europee significherà probabilmente più o meno che per i Balcani non cambia nulla. Uno dei successi elettorali è stata l'elevata affluenza alle urne. Ma un'elevata affluenza alle urne non significa necessariamente una maggiore unità europea. Gli elettori hanno sostenuto partiti che rappresentano visioni radicalmente divergenti per il futuro dell'Ue. E finché gli Stati membri dell'Unione rimarranno divisi sull'allargamento, la disunione interna all'Ue manterrà i Balcani occidentali nel limbo.