Cos'hanno in comune il carnevale del martedì grasso in Portogallo, il sole della Grecia, il National Stud [allevamento di cavalli] irlandese e la lotteria nazionale spagnola?

Risposta: sono stati tutti venduti o cancellati dai governi europei nel disperato tentativo di risanare le finanze pubbliche dopo un decennio di stravizi. Un numero considerevole di paesi europei sta sostanzialmente vendendo i gioielli di famiglia, in una svendita continentale senza precedenti.

La Grecia è il principale banditore d'Europa, con circa 50 miliardi di risorse all'asta. Ma altri governi sono avviati sulla stessa strada.

La vendita del patrimonio statale è una scelta disperata. In circostanze favorevoli sarebbe un progetto ambizioso, ma le circostanze sono tutt'altro che favorevoli. Se tutti mettono all'asta i loro possedimenti contemporaneamente, il crollo dei prezzi è inevitabile. La Grecia, per esempio, finora è riuscita a incassare appena 180 milioni di euro, molto meno dei 50 miliardi previsti.

Gli acquirenti in teoria non mancano. La Cina è in cerca di opportunità di investimento in ogni angolo del globo, e i governi dei paesi mediorientali sono sempre pronti a spendere i proventi del petrolio.

A questo punto è difficile dire se dovremmo essere felici o preoccupati davanti a una vendita così massiccia. Da un lato bisogna accogliere qualsiasi soluzione in grado di tirare fuori l'Europa dalla crisi del debito, ma è anche vero che i gioielli di famiglia, una volta venduti, non torneranno mai indietro. Mentre le nostre economie vengono progressivamente surclassate da Cina e India, c'è il rischio concreto che il vecchio continente non ritorni mai più ai fasti del passato.

Irlanda - Foreste, servizi pubblici, una compagnia aerea, la National Stud

Lo stato irlandese ha messo in vendita un lungo campionario di risorse, tra cui una società energetica, la compagnia aerea Aer Lingus, la compagnia che gestisce il patrimonio forestale (Coillte) e la famosa National Stud (valore stimato: 1 miliardo di euro). Bord Gais, la società che gestisce l'erogazione di gas nell'isola, è stata valutata 2,5 miliardi di euro. La settimana scorsa il dipartimento dei trasporti ha confermato che esiste un "forte interesse" nella quota statale di Aer Lingus, del valore complessivo di 123 milioni di euro.

Portogallo - Infrastrutture energetiche

Lisbona è stata tra le prime capitali europee a mettere all'asta il proprio patrimonio, e per questo motivo ha avuto un discreto successo. La società elettrica nazionale ha accolto capitali cinesi e della Oman Oil, e lo stato ha incassato 592 milioni di euro. Un affare ben più lucrativo, attorno agli 8 miliardi di euro, è stata la vendita del 21 per cento delle azioni della compagnia energetica nazionale, Energias de Portugal, acquistate dalla cinese Three Gorges Corporation.

Paesi Bassi – Mezzi militari

L'anno scorso il ministero della difesa olandese ha racimolato diversi milioni di euro – nell'ambito del piano di austerity da 1 miliardo di euro – vendendo 18 caccia F16 al governo cileno. All'asta c'è anche un buon numero di navi da guerra.

Regno Unito - Ambasciate, edifici, mezzi militari

Londra spera di convertire in denaro contante la quota statale (49 per cento) del National Air Traffic Services. Il Regno Unito ha inoltre in programma di vendere centinaia di ambasciate ed edifici di proprietà del ministero degli esteri disseminati in tutto il pianeta, per un totale di circa 240 milioni di sterline.

Il ministero della difesa ha messo in vendita il sito delle Deepcut Barracks [quartier generale del Reale corpo logistico] e tutta una serie di attrezzature militari. Settantadue jet Harrier "in congedo" sono stati venduti agli Stati Uniti per circa 116 milioni di sterline, e l'anno scorso è stata messa all'asta la portaerei HMS Ark Royal. Tra le altre risorse messe in vendita dal ministero della difesa ci sono elicotteri, Land Rover e orologi di lusso.

Spagna - Infrastrutture (inclusa la metropolitana di Madrid?)

Il miliardario progetto di privatizzazione della lotteria nazionale spagnola è stato abbandonato in settembre quando il ministro delle finanze ha definito insufficiente la valutazione di mercato. In ogni caso il governo madrileno, travolto dai debiti, sta per vendere al prezzo di 3,5 miliardi di euro una partecipazione di minoranza nella società per la distribuzione dell'acqua, Canal Isabel II. La metropolitana di Madrid potrebbe finire presto all'asta.

Francia - Immobili di lusso

Ormai da anni lo stato francese porta avanti la vendita di immobili di proprietà del governo. Nel 2010 Parigi ha annunciato che avrebbe messo all'asta altri 1.700 edifici nel tentativo di ridurre il debito multimiliardario dello stato. Il governo ha messo in vendita castelli, palazzi nella capitale e persino la tenuta di caccia di La Muette, valutata 10 milioni di sterline.

Austria - Le Alpi (quasi)

In giugno la decisione del governo di mettere in vendita due montagne per un totale di 121 miliardi di euro ha scatenato la protesta dell'opinione pubblica. L'opposizione locale alla vendita del monte Rosskopf (2.600m) e del suo vicino Grosse Kinigat (2.700m) ha costretto Vienna a fare marcia indietro. Tuttavia un ministro ha precisato che in futuro le due montagne potrebbero tornare in vendita.

Italia - Palazzi? Spiagge? Oro? Antiche rovine?

Nel 2010 il governo italiano ha avviato una svendita massiccia di circa novemila tra edifici, spiagge, fortezze e persino alcune isole nel tentativo di ridurre il debito pubblico. Il valore complessivo delle risorse è stato stimato attorno ai 3 miliardi di sterline. Non è chiaro quale sia la cifra incassata fino a oggi dal governo italiano, ma decine di palazzi veneziani sono stati venduti e trasformati in alberghi. Ulteriori introiti sono arrivati dalla concessione per l'utilizzo del Colosseo a fini pubblicitari. Più recentemente, Roma è stata invitata da Berlino a vendere buona parte delle sue riserve auree prima che il prezzo cali drasticamente.

Lettonia – Una città fantasma

Nel 2010 un'intero centro abitato è stato offerto a una società russa al prezzo di 1,9 miliardi di sterline. Skrunda-1, un tempo sede di una base militare russa, è stata abbandonata dopo la caduta dell'Unione sovietica.

Grecia - Più o meno tutto (tranne l'Acropoli)

Il governo greco sta cercando di racimolare l'impressionante cifra di 50 miliardi di euro vendendo o affittando le proprietà dello stato, compreso l'aeroporto internazionale di Atene (insieme ad altri 38), la società petrolifera, quella per la distribuzione del gas, i porti di Salonicco e del Pireo, l'Hellenic Post Bank, le autostrade, la società che gestisce le corse dei cavalli e 35 grandi palazzi di proprietà del governo.

A disposizione di eventuali acquirenti c'è anche Hellenikon – una striscia costiera tre volte più grande del principato di Monaco e un tempo sede di un aeroporto internazionale – e un lotto di 44 acri sull'isola di Corfu. Secondo alcune fonti Atene ha intenzione di vendere numerose aree costiere di grande bellezza. Inoltre la Grecia sarebbe pronta a vendere il sole: il governo sta discutendo con Berlino la possibilità di esportare energia solare.