Chi è cresciuto con la televisione conosce l'Europa: Praga grazie a “Pan Tau”, lo Yorkshire attraverso la serie della Bbc “All creatures great and small”, e le brevi e calde estati di Småland grazie a Pippi Calzelunghe. Anche gli spettacoli, i talk-show e i giochi televisivi erano un tempo orgogliosi di avere ospiti “dall'estero”, presentati calorosamente come “star di fama mondiale” solo per aver cantato una volta a Montreux. I presentatori che sapevano scendere le scalinate del palcoscenico salutando il pubblico in più lingue erano considerati i più chic. Oggi anche solo parlare l'alto-tedesco potrebbe essere un ostacolo alla carriera.

[…] **Questo articolo è stato ritirato su richiesta del titolare del copyright.**