Valori umani comuni – questo è il senso dell'Ue. La pace, la libertà individuale, il rifiuto della violenza, l'arte del compromesso, lo stato di diritto e così via, sono questi i valori che maschera la caotica situazione nella quale si trova oggi l'Europa. Tuttavia anche il caos politico non ha potuto gettare un'ombra sulla volontà liberamente espressa dai popoli europei: vivere in pace secondo delle regole comuni che garantiscono la pace e i diritti umani.

Tutto ciò suona falso? Ricordiamo però come la Croazia ha vissuto fino a oggi, e come viveva sotto l'impero austro-ungarico. All'epoca i croati avevano poco potere decisionale, così come nel regno jugoslavo di un tempo. Quel regime, in apparenza democratico, era solo uno stato di polizia filoserbo. E a che cosa assomigliava lo stato indipendente di Croazia (Ndh) che è esistito dal 1941 al 1945? Era uno stato fondato sul genocidio (degli ebrei, dei serbi, dei rom e dei comunisti), sul razzismo e sul nazionalismo.

E che dire della Repubblica socialista federale di Jugoslavia? Ufficialmente stato federale, era in realtà una versione "light" di una dittatura comunista, un paese senza libertà di espressione e senza libertà di vivere secondo le proprie scelte. E la Croazia di Tudjman [1989-1999]? Ufficialmente democratica, in realtà era una "democratura" nazionalista, uno stato al servizio del saccheggio dei propri cittadini, della dissimulazione dei crimini e della tolleranza dell'istigazione all'odio. Nessuno di questi Stati aveva come principio attivo la pace e i diritti dell'uomo.

Per gli stati membri dell'Ue questi principi sono delle basi. L'Unione europea è la prima comunità politica che è riuscita ad aprire le sue frontiere, a riconciliare e a unificare i paesi democratici allo scopo di creare un ideale comune fondato sulla libertà degli individui e sulla pace delle nazioni. È sufficiente ricordare quello che succedeva nei Balcani negli anni Novanta e in Europa nello stesso periodo, per rendersi conto che la Croazia ha fatto la scelta giusta. Per questo motivo non bisogna arrivare a conclusioni frettolose pensando solo al nostro portafoglio. La povertà è una minaccia indipendente dall'Ue. Se la Croazia rimanesse fuori dall'Ue sarebbe ancora peggio. Paradossalmente la Croazia sarà meno dipendente dall'Ue in quanto paese membro di quanto lo era prima, come abbiamo visto nel caso del contenzioso sulla baia di Piran. La cosa più importante non è il denaro, ma la libertà. In passato Václav Havel, che sapeva raccogliere le sfide impossibili della politica, ha dichiarato: "L'Europa non si può riassumere in un sacco di patate". Questa frase assume il suo pieno significato nei Balcani, dove non abbiamo mai avuto l'abitudine di insistere sui valori. Un atteggiamento comprensibile, visto che troppo spesso ci siamo sentiti ingannati. Qui questi ideali sono stati spesso utilizzati per ingannare il popolo.

Ecco infine un'occasione per cambiare tutto ciò. Accettando le regole dell'Ue, accettiamo la decisione di rifiutare "l'arbitrario". È necessario avere fiducia in se stessi per adottare i valori che abbiamo scelto. In futuri nessuno potrà fare una guerra contro un altro paese affermando di fare il bene della nazione. Nessuno potrà nascondere i crimini affermando che è meglio così. Nessuno potrà basare la propria politica sul semplice fatto che "sua moglie non è né serba né ebrea" [dichiarazione di Tudjman]. E soprattutto nessuno potrà cambiare le regole a proprio piacimento – ed è quello che sta cominciando a capire Milanović [il primo ministro croato].

A partire da oggi sappiamo quello che è accettabile e quello che non lo è. Per questo motivo in un'occasione così importante e solenne lasciamoci portare dall'entusiasmo, ma non abbassiamo la guardia. Ricordiamo il brindisi, pieno di malinconia, fatto dal grande poeta Ivan Lovrenović nel 2004, in occasione della riapertura dello Stari Most [vecchio ponte] di Mostar: "Mentre volano le rondini, che giocano con il vento sotto gli archi del ponte, faccio un brindisi e dico: Eccoci di nuovo".