Greenpeace: Pugno di ferro

Pugno di ferro – Arend van Dam
Het Financieele Dagblad (Amsterdam)

Il 3 ottobre le autorità russe hanno accusato di pirateria altri 16 attivisti di Greenpeace coinvolti in una protesta il 18 settembre contro la piattaforma petrolifera di Prirazlomnaya, di proprietà di Gazprom.

I Paesi Bassi hanno intrapreso un'azione legale per ottenere la liberazione dei 30 attivisti che rischiano fino a 15 anni di prigione. Greenpeace ha accusato la Russia di avere la mano pesante.