“Gli europei sono troppo diversi per capirsi”. Che si sia d’accordo o meno, che la si giudichi pessimistica, realistica, demoralizzante o illuminante, è indubbio che questa frase non lascia affatto indifferenti. Questo è il titolo che abbiamo dato a uno degli articoli che avete maggiormente condiviso questa estate. Nel suo intervento, il giornalista svedese Richard Swartz paragona “l’Europa a un favo di miele estremamente fragile, fatto di particolarismi culturali, storici e mentali”. Si tratta di una bella metafora per ricordare – come fa lo scrittore Martin Walser in un altro articolo che abbiamo pubblicato – che “la ‘buona’ Europa è una comunità di apprendimento reciproco, basata sulla buona volontà e sull’autodeterminazione”. Vale a dire che malgrado le loro differenze culturali, sociali, e soprattutto di opinione sull’avvenire dell’Ue, lo scambio e il dibattito restano i garanti della vita comune di 500 milioni di cittadini dell’Unione.

Dall’Ungheria alla Romania passando per la Grecia e i paesi dove i partiti populisti ed estremisti avanzano a ogni consultazione elettorale, la stampa europea registra l’indebolimento della democrazia in Europa, a meno che non si tratti di semplice stanchezza da parte dei popoli investiti dalla crisi e di una disillusione nei confronti della politica così come è messa in atto in ogni nazione e “a Bruxelles”.

La ricerca della soluzione alla multiforme crisi europea non potrà avvenire nel segreto delle cancellerie e delle sale di riunione. Deve invece essere resa di pubblico dominio, deve essere compresa e discussa da tutti gli europei. Questa è la responsabilità dei politici e dei media. E per questo motivo Presseurop vi propone ogni giorno il meglio della stampa europea, interpretazione o analisi che sia.

Siete sempre più numerosi a commentare tutti questi articoli e a reagire ai commenti degli altri lettori. Per permettervi di rendere più vivo questo dibattito, poco alla volta abbiamo messo a punto e introdotto vari strumenti, come la possibilità di leggere tutti i commenti a uno stesso articolo a prescindere dalla lingua, di pubblicare i commenti senza interventi del moderatore (per i più fidati, coloro che in ogni caso rispettano le regole della buona educazione), di citare altri commenti o di essere informati non appena un lettore vi risponde. Oggi vi proponiamo un altro strumento ancora, consono allo spirito del nostro sito multilingue: la possibilità di tradurre istantaneamente i commenti postati in una lingua diversa dalla vostra.

Dopo aver letto nella vostra lingua gli articoli provenienti da tutta Europa, potrete partecipare a un dibattito tra tutti i lettori di Presseurop, a prescindere da quali siano le lingue utilizzate. E ora che dopo la pausa estiva l’attualità torna protagonista di diritto, la parola passa a voi!