Cover

"L'Afghanistan ha bisogno di forze fresche", titola Gazeta Wyborcza, che parla del recente rapporto del generale Stanley McChrystal, il comandante delle truppe alleate in Afghanistan. McChrystal afferma che altri 30-45mila soldati sono "estremamente necessari" in Afghanistan. "Le cose stanno andando male e se l'Occidente non manderà altre truppe, perderemo la guerra con i talebani", avverte l'ufficiale.

Secondo il giornale polacco, Washington aumenterà la pressione sui suoi alleati europei. "Gli americani sono in difficoltà perché i canadesi, che hanno già perso 131 uomini, si sono impegnati a ritirare il loro contingente di 3mila soldati dalla provincia meridionale di Kandahar entro la fine del 2010", riferisce il quotidiano di Varsavia. Ma anche gli europei stanno pensando a lasciare l'Afghanistan. La prospettiva è stata già suggerita dall'Olanda, che ha avuto 21 caduti (il loro contingente di 1.800 uomini dovrebbe rientrare entro il 2011) e apertamente discussa dagli italiani, traumatizzati dalla morte di sei dei loro soldati in un attentato la settimana scorsa. Alcune fonti del governo polacco hanno affermato che almeno per ora non si invieranno altre truppe in Afghanistan. L'unico paese che finora sembra disposto ad aumentare il proprio impegno è la Spagna, che fra breve dovrebbe mandare un rinforzo di altri 200 uomini.