Un anno dopo il fallimento dei negoziati sul programma nucleare iraniano, "l'Ue vuole dialogare con l'Iran", scrive Die Welt. Secondo il quotidiano berlinese il capo della diplomazia europea Catherine Ashton ha proposto di tornare al negoziato con la formula "5+1", ovvero Germania, Francia, Regno Unito, Cina, Russia e Stati Uniti. Sottolineando che Washington e Israele sono ancora in disaccordo sulla linea da seguire nei confronti dell'Iran, con Obama che privilegia la via del dialogo rispetto agli attacchi militari evocati da Benjamin Netanyahu, l'editoriale del quotidiano berlinese dice "grazie a Israele":

Parliamoci chiaro: se l'Europa invia a Teheran l'eloquente e imbelle Catherine Ashton e se Obama alza i toni da qualche mese è soltanto perché gli israeliani gonfiano i muscoli e non sono disposti a farsi sottomettere. […] Se fossero stati prudenti come la maggioranza degli altri stati, Teheran non avrebbe problemi a costruirsi la bomba al più presto. […] In caso di emergenza, è l'occidente che deve strappare le armi nucleari dalle mani dei leader iraniani.