“Isolamento volontario, mire egemoniche, mancanza di obiettivi”. All’indomani della conferenza di Königswinter, tenutasi a Oxford, sono questi i termini usati dalla Süddeutsche Zeitung per riassumere le posizioni di Regno Unito, Germania e Unione europea.

L’edizione 2012 dell’incontro annuale tra gli alti responsabili politici ed esponenti del think-tank, creato nel 1950 per migliorare le relazioni tra i due paesi, ha lasciato “un'impressione tanto evidente quanto cupa della relazione triangolare tra i britannici, i tedeschi e la loro Europa", nota il quotidiano bavarese.

Il Regno Unito osserva con grande scetticismo l’operazione di salvataggio della Grecia e la nuova forza della Germania, che avanza pretese quasi egemoniche. Con lo stesso sguardo sospettoso i tedeschi osservano il Regno Unito, che non vuole comprendere la logica politica, economica e storica dell'Europa unita”.

La Süddeutsche Zeitung sottolinea che rifiutandosi di discutere le rispettive paure e le questioni riguardanti l’avvenire dell'Europa, i partecipanti alla conferenza hanno illustrato perfettamente la sfiducia reciproca tra Germania e Regno Unito, due paesi che “scavano tunnel piuttosto che costruire ponti”.