“Crisi greca: l’Ue prepara la chiusura delle frontiere”, titola Der Standard. Martedì il quotidiano viennese ha scoperto da una fonte del Consiglio europeo che diversi paesi stanno preparando la reintroduzione dei controlli alle frontiere nel caso di un’emergenza in Grecia, senza però rivelare alcun dettaglio. I preparativi sono giustificati dalla paura di una fuga illegale di capitali all’estero e di un aumento della criminalità. Ma gli stati europei temono soprattutto i flussi migratori illegali, considerando che la Grecia è una via di transito per i clandestini provenienti dalla Turchia e dal Mediterraneo orientale. Secondo le ultime stime, attualmente in Grecia vivono circa un milione di immigrati clandestini. Ricordando il quadro giuridico degli accordi di Schengen, lo Standard precisa che

contrariamente alla molto discussa uscita dall’eurozona, […] la chiusura delle frontiere con la Grecia non presenterebbe particolari problemi.

>