Cover

La proposta di direttiva europea sull'igiene degli alimenti mette in pericolo lo speck austriaco fatto in casa, scrive Der Standard. L'imposizione degli stessi standard validi per i grandi gruppi industriali complicherà parecchio la vita dei piccoli produttori. Saranno infatti obbligati, quale che sia il volume di produzione, a "mettere alcuni capi a disposizione del veterinario o macellare e sezionare le carcasse in camere separate". Risultato: "700 piccole imprese hanno già interrotto la macellazione" e l'abbattimento in fattoria si è ridotto dell'80 per cento. I benefici, nota il quotidiano viennese, vanno tutti alle grandi compagnie di macellazione e "all'industria alimentare austriaca".