Un "supermonsone" minaccia l'Europa, avverte La Repubblica. Secondo Giampiero Maracchi dell'istituto di biometeorologia del Cnr di Firenze, "i termini che fino a ieri usavamo abitualmente per descrivere le piogge eccezionali che colpivano l'Europa non danno più l'idea di quello che succede realmente oggi": il riscaldamento globale sta aumentando la temperatura e la dimensione dei flussi d'aria calda provenienti dal Sahara. Sul versante nordoccidentale questi si scontrano con le correnti fredde e umide dell'atlantico settentrionale, provocando le piogge torrenziali che hanno allagato l'Europa occidentale nei giorni scorsi. A est, invece, l'aria torrida viaggia indisturbata fino alla Russia, dove sta causando temperature record e incendi colossali. "L'energia in gioco cresce sempre più velocemente", continua Repubblica, che spera che i recenti disastri possano spingere la prossima conferenza sul clima di Cancun (COP16) a produrre risultati concreti.