Cover

"Mi avevano messo in guardia contro le trappole sessuali", ha dichiatato in un'intervista ad Aftonbladet l'australiano Julian Assange, fondatore di WikiLeaks. Il 19 agosto Assange aveva ricevuto un mandato d'arresto dalla giustizia svedese per una episodio di violenza carnale commesso mentre si trovava in Svezia. Il mandato è stato però annullato dopo meno di 24 ore per mancanza di prove. Assange ha negato le accuse e ha dichiarato al tabloid svedese – che tra l'altro lo ha appena ingaggiato come opinionista – di essere stato "avvertito che il Pentagono, per esempio, non esiterà a ricorrere al gioco sporco per distruggerci".