"Milano rischia di perdere l’Expo?", si chiede Il Post dopo la proposta avanzata da Smirne, rivale del capoluogo lombardo nella gara per l'assegnazione dell'Expo 2015, di subentrare nell'organizzazione della manifestazione. Accettare l'offerta della Turchia, desiderosa di una vetrina per la propria economia in crescita, sarebbe un'onta per la città ma anche un sollievo per l'amministrazione, incapace di risolvere "i ritardi nella progettazione delle strutture, le polemiche sugli incarichi, le risse fra gli enti locali, le infiltrazioni delle organizzazioni criminali negli appalti" che stanno mettendo in dubbio lo svolgimento dell'evento".