Cover

Il 30 aprile la Corte europea per i diritti umani ha stabilito che Julia Timo‪š‬enko è stata arresta illegalmente e per motivi politici.

Nel 2011 Timo‪š‬enko è stata condannata a sette anni di prigione per “abuso d’ufficio” a proposito di un accordo per la fornitura di gas firmato con la Russia. Secondo Gazeta Wyborcza

il verdetto senza precedenti emesso dai giudici di Strasburgo, che in precedenza avevano sempre evitato di prendere una posizione così esplicita in una disputa politica, lascia pochissimo margine di manovra a Kiev. Lasciare Timo‪š‬enko in carcere significherebbe compromettere la possibilità di firmare l’accordo di associazione con l’Ue inizialmente previsto per il prossimo autunno a Vilnius.