Cover

“Finalmente una proposta francese per l’Europa!”: Le Monde saluta il nuovo orientamento europeo proposto dal presidente francese in occasione della sua conferenza stampa del 16 maggio.

È stato un gran discorso, rivolto agli europei e alla Germania. Hollande ha finalmente abbandonato i tentennamenti e la politica della sedia vuota europea che hanno caratterizzato il suo mandato fin dall’inizio. […] Affermando che la Francia dev’essere “un trait d’union” tra il nord e il sud dell’Europa, il capo di stato rinuncia a guidare i paesi latini contro l’Europa germanica.

Il quotidiano sottolinea che chiedendo “un governo economico” dell’eurozona,

Hollande prende in parola Angela Merkel, che un anno fa aveva proposto la realizzazione di un’unione politica. All’epoca il presidente francese aveva parlato di proposta vuota, ma oggi è riuscito a darle un contenuto. Prendere i tedeschi in parola è una buona strategia, e ora c’è di nuovo un’offerta francese sul tavolo dell’Europa, finalmente. Ma l’idea sarà credibile soltanto se Hollande rimetterà in sesto la Francia.

In Germania le proposte di Hollande sono state ricevute con molto meno entusiasmo. Die Welt sottolinea che la “cosiddetta offensiva contiene essenzialmente misure che il suo predecessore aveva già presentato”, che si tratti

del governo economico europeo chiesto da Sarkozy nell’ottobre 2008 al Parlamento europeo a Strasburgo o dell’idea delle obbligazioni europee che per ragioni tattiche Hollande non chiama più eurobond nella speranza che i testardi tedeschi un giorno si decidano ad accettarle.

A proposito all’invito rivolto alla Germania, Die Welt sottolinea che bisogna interpretare l’atteggiamento di Hollande, che consiste “nell’attaccare l’austerity tedesca non soltanto per motivi ideologici ma anche come mossa tattica”:

presentandosi come l’uomo che combatte lo spettro del diktat dell’austerity imposto da Merkel, Hollande vuole conquistare un margine di manovra per riuscire, nel migliore dei casi, a far passare riforme impopolari. Dunque Merkel dovrà fungere da pungiball europeo ancora per un po’ di tempo.