Cover

“Rivelazioni sul Grande fratello francese”, titola Le Monde pubblicando un’inchiesta la cui conclusione è particolarmente sorprendente in pieno scandalo sullo spionaggio americano : “tutte le nostre comunicazioni sono spiate”. Questo spiega come mai “la Francia ha protestato in modo blando nel concerto di indignazione in Europa: Parigi era già al corrente, e si comportava nello stesso modo”.

L’inchiesta del quotidiano parigino spiega il funzionamento del “sistema di raccolta sistematica di segnali elettromagnetici emessi dai computer e dai telefoni in Francia e del flusso tra il paese e l’estero” realizzato dalla Direzione generale della sicurezza esterna (Dgse).

La “conservazione per anni di questa immensa massa di dati” è illegale, precisa Le Monde, che aggiunge un elemento supplementare:

Gli altri servizi di informazione […] possono attingere quotidianamente ai dati che gli interessano. In tutta discrezione, a margine della legalità e lontano da ogni controllo. I politici lo sanno perfettamente, ma il segreto è la regola.

E anche se ufficialmente questo

Big Brother francese, fratello minore dei servizi americani, è clandestino, la sua esistenza figura discretamente nei documenti parlamentari che propongono persino di spingersi più oltre [consolidando] l’accesso delle altre agenzie alle capacità mutualizzate del Dgse.