Il 24 agosto in otto città del paese si sono svolte numerose manifestazioni di estrema destra contro i rom. Queste marce contro “il razzismo dei neri contro i bianchi, la violenza della polizia e l’ingiustizia sociale” hanno vistola partecipazione di circa 2.500 persone e nel complesso si sono svolte senza problemi, scrive Lidové Noviny.

L’unica eccezione è quella di Ostrava, la terza città del paese per grandezza, dove le dimostrazioni sono degenerate dopo che centinaia di militanti hanno cercato di penetrare in un quartiere abitato da rom. La polizia ha sbarrato loro il cammino con gas lacrimogeni e ne interrogati una sessantina.

A Praga si è svolto un contro-evento ironicamente intitolato “Non vogliamo cechi nella Repubblica Ceca” e organizzato dall’omonimo collettivo per mettere in guardia contro le crescenti tensioni nella società ceca. Secondo Lidové Noviny vi avrebbe partecipato una cinquantina di persone. Il quotidiano ricorda che secondo le agenzie di informazione

L’ostilità ai rom di una parte della società rappresenta una minaccia più grave per la sicurezza dello stato dei gruppuscoli di estrema destra.