Cover

“I bulgari sono molto infelici”, sottolinea Trud. Nel rapporto mondiale sulla felicità (World Happiness Report) pubblicato l’8 settembre, la Bulgaria figura al 144simo posto su 156. È quindi il paese più infelice d’Europa e precede solo alcuni paesi poveri dell’Africa e la Siria, nota il quotidiano. I criteri dello studio condotto dall’Earth institute della Columbia University insieme alla Rete delle soluzioni per uno sviluppo sostenibile creata dall’Onu sono l’aspettativa di vita, il prodotto interno lordo, l’assenza di corruzione, la libertà di scelta, la generosità e la presenza di qualcuno su cui contare. 

Secondo un’inchiesta dell’istituto di sondaggi Gallup citata da Trud, “i motivi dell’infelicità dei bulgari sono soprattutto la corruzione onnipresente e la libertà di scelta, più limitata che in Botswana (appena dietro alla Bulgaria nella classifica)”. 

“Il male di vivere dei greci”, titola Ta Nea. Al 70simo posto, appena dietro la Repubblica turca di Cipro del nord (Rtcn), la Grecia è l’unico paese europeo a registrare un notevole arretramento. L’indice di felicità della Grecia per il periodo 2010-2012 è infatti di 5,4 su 10, contro il 6,3 del 2005-2007. 

“La disoccupazione è il fattore chiave dell’infelicità”, e “la soddisfazione dei cittadini greci è in caduta libera”, constata Ta Nea. “I greci non sentono di avere un aiuto sociale o la libertà di scegliere”.