Cover

Una settimana dopo la tragedia di Lampedusa, costata la vita a quasi 340 persone, “centinaia di immigrati clandestini si sono nuovamente trovati in difficoltà nel Mediterraneo”, scrive la Tageszeitung.

L’11 ottobre almeno 34 rifugiati (in maggioranza siriani) sono annegati a 100 chilometri dall’isola di Malta. La loro traversata era cominciata nel porto libico di Suara. Secondo i sopravvissuti il battello, su cui viaggiavano 400 rifugiati, è stato inseguito da una nave (probabilmente della guardia costiera libica) che ha aperto il fuoco uccidendo due passeggeri, riporta il quotidiano.

I governi di Italia e Malta hanno chiesto un cambiamento della politica europea d’immigrazione. La Taz precisa che Malta, “il più piccolo stato dell’Ue, è uno dei grandi sconfitti dal sistema d’asilo europeo”:

Nel 2012 sono arrivati 1.890 rifugiati, e dal 2002 sono ormai 17mila. Secondo la legge europea hanno il diritto di chiedere asilo soltanto a Malta. Proporzionalmente, nello stato insulare, che conta circa 418mila abitanti, è stato registrato un numero di richieste d’asilo sette volte superiore alla media Ue.