Nella sua valutazione preliminare sulla controversa legge ungherese sui media, la Commissione europea ritiene che non tutte le parti del testo siano "soddisfacenti", rivela il quotidiano slovacco Pravda. Il 17 gennaio il commissario europeo Neelie Kroes ha dichiarato al Parlamento europeo che la legge solleva perplessità a proposito del'"applicazione delle regole per i media, tra cui la necessità di registrarsi e la necessità di una copertura equilibrata imposta anche ai blog". Kroes suggerisce inoltre che la legge possa essere in contrasto con la legislazione Ue in quanto impone dei criteri alle compagnie non ungheresi che operano nel paese. Nonostante le critiche provenienti da tutta Europa, il primo ministro ungherese Victor Orbán si è rifiutato di cedere, anche se "ha promesso che cambierà la legge se la Commissione europea lo riterrà necessario", conclude il quotidiano di Bratislava.