Transparency international ha pubblicato il suo Indice annuale della percezione della corruzione nelle pubbliche amministrazioni, che ricopre 168 paesi. Secondo la classifica i due terzi dei paesi ottengono un punteggio inferiore a 50 – il punteggio che indica un livello di corruzione basso è 100. Sette dei dieci paesi meno corrotti sono stati europei. La Danimarca è in testa per il secondo anno consecutivo, mentre la Russia e l'Azerbaigian sono in coda all'elenco dei paesi europei.

I paesi più virtuosi si distinguono per un elevato livello di libertà di informazione, di trasparenza delle finanze pubbliche, di integrità del personale politico e di indipendenza della magistratura.

I paesi europei che hanno visto il loro punteggio peggiorare negli ultimi quattro anni sono la Spagna e la Turchia, mentre la Grecia e il Regno Unito hanno registrato i progressi più notevoli.