Cover

“La guerra libica divide Italia e Francia”, titola il Corriere della Sera. Dopo aver aderito controvoglia alla missione Odissey Dawn, il governo italiano ha manifestato insofferenza per il protagonismo francese e ha minacciato di “riprendere il controllo” delle basi aeree utilizzate dai bombardieri alleati se il comando delle operazioni non passerà alla Nato – rivendicazione condivisa dalla Norvegia, che ha già sospeso la sua partecipazione, ma osteggiata da Parigi e dai paesi arabi. Silvio Berlusconi si è detto “addolorato” per quanto sta accadendo a Gheddafi, ed è incalzato dagli alleati della Lega Nord, contrari all'intervento per paura che possa alimentare l'ondata migratoria che sta già creando forti tensioni a Lampedusa. Ma il vero motivo del contendere è un altro, spiega Piero Ostellino sul Corriere: “la Francia punta a sostituire l'Italia nei rapporti con la Libia (dal petrolio alle relazioni economiche e commerciali) del dopo-Gheddafi”, e accodandosi alla sua guida Roma ha “tutto da perdere”.