A inizio estate la Danimarca ha deciso di creare un comando artico e una task force nel Nord, scrive Politiken. Ufficialmente, il motivo e adeguarsi ai cambiamenti climatici che porteranno con sé più navigazione, più estrazione di materie prime e quindi la possibilità di più conflitti nella regione artica. Il quotidiano però ritiene che Copenaghen cerchi di rafforzarsi militarmente nell'ambito della corsa alle risorse, soprattutto il petrolio.

Politiken ricorda che i paesi che si affacciano sull'Artico – la Danimarca (attraverso la Groenlandia), gli Stati Uniti, la Russia, la Norvegia e il Canada – hanno tutti rivendicazioni territoriali nella zona. Dato che la questione non accenna a risolversi, ognuno comincia a "prepararsi" militarmente. Ma il quotidiano stima che dovrebbero essere le Nazioni unite a trovare una soluzione e che "con la sua lunga tradizione di rispetto del diritto internazionale e l'importanza che accorda all'Onu, la Danimarca potrebbe prendere l'iniziativa".