Cover

"La Polonia galleggia sul gas", titola Gazeta Wyborcza dopo la pubblicazione da parte della statunitense Energy Information Agency (Eia) di un rapporto sulle riserve di gas di scisto in 32 paesi del mondo. La Polonia, le cui riserve di gas di scisto ammonterebbero a 5,3 trilioni di metri cubici (per un valore di circa 1,38 trilioni di euro secondo l'attuale quotazione), si piazza al primo posto tra i paesi europei. Secondo le stime dell’ Eia le riserve polacche potrebbero durare per 380 anni, a meno di un drastico incremento dei consumi. Inoltre le possibilità di estrarre gas di scisto in Polonia sono particolarmente alte, attorno al 40 per cento secondo l’Eia. Nel 2010 Varsavia ha firmato un accordo con Washington e si è unita al progetto Global Shale Gas Initiative, sponsorizzato dagli Stati Uniti. Il governo polacco ha inoltre concesso 85 licenze a diverse compagnie. Tuttavia l'estrazione suscita particolare preoccupazione tra gli ambientalisti. "Sono convinti che distrugga il paesaggio e avveleni le falde acquifere", precisa il quotidiano di Varsavia.