Cover

In Gran Bretagna è stata appena scoperta una clamorosa frode sui crediti di emissione, scrive il quotidiano francese Le Monde. Mercoledì 19 agosto nove persone sono state arrestate con l'accusa di essersi appropriate di 38 milioni di sterline (44 milioni di euro). Secondo il quotidiano, "i criminali sfruttavano il fatto che l'Iva sulle transazioni di CO2 si applica negli altri paesi europei ma non in Gran Bretagna. Hanno acquistato diritti per tonnellate di CO2 per rivenderli nei paesi in cui erano sottoposti all'imposta. Ma invece di versare l'Iva al paese in questione, se la intascavano loro". Il mercato delle emissioni di gas serra è esploso da quando l'Unione europea ha fissato dei limiti alle emissioni delle aziende e ha autorizzato quelle che non li superano a rivendere i crediti in eccesso agli infrattori. A settembre la Commissione europea introdurrà delle modifiche alla direttiva sull'Iva per mettere fine al problema delle frodi.