Dopo tre anni di estenuanti negoziati, il 23 settembre l'Unione europea e l'Ucraina hanno trovato l'intesa sull'accordo di associazione. "È un grande successo: Kiev ha scelto l'occidente", sottolinea Rzeczpospolita, ricordando che "per molto tempo si è temuto che il presidente ucraino Viktor Yanukovic, vicino alla Russia, in realtà non volesse l'integrazione con l'Unione europea". Secondo alcune voci Mosca si sarebbe offerta di vendere a Kiev gas a prezzi stracciati se il governo ucraino avesse rinunciato a stringere un legame politico ed economico con l'Europa. L'accordo di associazione sarà firmato alla fine dell'anno, con ogni probabilità in occasione del summit Ue-Ucraina in programma a dicembre, e prevede l'istituzione di una zona di libero mercato (Dcfta). Kiev adotterà l'acquis comunitario e riformerà le proprie istituzioni politiche per allinearsi agli standard europei.