I risultati delle elezioni europee riflettono una perdita di fiducia nello status quo in Croazia, con gli elettori alla ricerca di alternative fra i populisti.

Dopo quasi tre anni come partner principale della coalizione dell'attuale governo, l'Unione democratica croata (Hdz, liberalconservatrice) sta gradualmente perdendo sostegno. Il partito ha ricevuto il 22,72 per cento dei voti nelle europee di maggio, solo poco più della metà del risultato ottenuto alle europee del 2014.

La causa probabile è l'insoddisfazione dei suoi sostenitori di destra per quello che percepiscono come un segno che il partito sta assumendo una posizione più moderata. Il suo numero di seggi nel Parlamento europeo è sceso da sei a quattro. Resta da vedere se questa insoddisfazione si rifletterà anche nelle elezioni parlamentari croate che si terranno prima della fine del 2020.

I socialdemocratici (Ps) continuano a fornire l'opzione centrista più attraente, mantenendo i loro quattro seggi con il 18,71 per cento dei voti – un risultato dignitoso, dato che le lotte interne del partito lo hanno allontanato dal potere e mandato all'opposizione nel 2015. Tuttavia la sorpresa più grande è arrivata con il candidato populista conservatore indipendente Mislav Kolakušić, che ha ottenuto il 7,89 per cento dei voti, più che sufficiente per farsi eleggere deputato europeo. Il politico di estrema destra Ruža Tomašić dei sovrainisti croati, che ha formato una coalizione con i conservatori nazionalisti di Hrast, ha mantenuto il suo seggio.

Dei due mandati rimanenti, uno è andato al partito populista Živi zid ("Scudo umano"), che è nato dal movimento anti-espulsioni, anche se i conflitti all'interno del movimento indicano che non è chiaro quale dei suoi candidati prenderà il seggio del partito.

L'altro seggio è stato assicurato dalla Coalizione di Amsterdam, un'opzione progressista di centro-sinistra.

Con un'affluenza alle urne in aumento di 4,62 punti, e al 29,86 per cento, due terzi degli elettori hanno optato per i partiti di destra e di estrema destra. Nel frattempo, i partiti di sinistra sono in disordine, con opzioni veramente progressiste come la coalizione di Možemo, Nuova Sinistra e Ora-H, o il Fronte dei lavoratori e la SRP, che hanno ottenuto insieme poco più del 2 per cento dei voti.

1ryrkemws5nfuqfgyrnn5l