Spagna-Marocco

Aminatou torna a casa

Pubblicato su 18 Dicembre 2009 alle 14:16

Cover

Dopo 32 giorni di sciopero della fame all’aeroporto di Lanzarote (Canarie), l’attivista Aminatou Haidar è rientrata oggi nel Sahara occidentale, il territorio rivendicato dal Marocco (che lo chiama Province del sud) e di cui il popolo saharawi vuole l’indipendenza. Haidar, 42 anni, era stata respinta dalle autorità marocchine il 14 novembre ed è potuta rientrare nel suo paese solo grazie all’intervento della Francia. Questa era “l’unica soluzione possibile, in una crisi determinata da una decisione ingiusta del governo marocchino e con una collaborazione del governo spagnolo piena di punti oscuri”, osserva El País.

Questa soluzione “ha evitato una tragedia umana”, ma ha anche dimostrato “la debolezza delle relazioni fra la Spagna e il Marocco”, sottolinea il quotidiano, che accusa il Marocco di aver compiuto “un’ingiustificabile sopruso” nei confronti di Haidar, che aveva lasciato il paese per ricevere un premio per i diritti dell’uomo negli Stati Uniti. È la dimostrazione che “la repressione del popolo saharawi è ancora in atto”.

Categorie

Sei un mezzo d'informazione, un'impresa o un'organizzazione? Scopri le nostre offerte di servizi editoriali su misura e di tradzuzione multilingue.

Sostieni il giornalismo europeo indipendente

La democrazia europea ha bisogno di mezzi d'informazione indipendenti. Voxeurop ha bisogno di te. Unisciti alla nostra comunità!