I Balcani sempre più popolari

La maggiore stabilità politica e prezzi ancora relativamente abbordabili hanno fatto della regione una delle mete turistiche in maggior crescita negli ultimi anni, rivelano i dati di Eurostat.

Pubblicato il 25 Agosto 2017 alle 14:24

Nel periodo 2013-2016, sei sono i paesi europei dove i pernottamenti dei turisti stranieri sono aumentati ogni anno a un tasso superiore del 10 per cento: Islanda a parte, si tratta esclusivamente di paesi balcanici (Albania, Bosnia Erzegovina, Serbia, Kosovo e Romania). L'unico paese della regione che pare rimanere ai margini del boom turistico in corso è la Bulgaria, anche se la situazione sta cambiando.

Spostando lo sguardo dal livello nazionale alle dinamiche interne agli stati, dai dati Eurostat risalta tra le altre cose il carattere particolarmente bilanciato della crescita turistica della Romania. Mentre in altri paesi della regione gli arrivi si concentrano in singole località, il successo turistico rumeno investe molte regioni diverse del paese, dalla Transilvania a Bucarest, fino alla costa del Mar Nero. Peraltro l'aumento dei turisti in Romania è legato a molti paesi di provenienza diversi, dalla Spagna alla Gran Bretagna, dall'Ucraina alla Turchia. In Europa, solo il Portogallo sta conoscendo una crescita altrettanto sostenuta, globale e diffusa.

Rispetto agli altri paesi dei Balcani, negli ultimi anni Grecia, Croazia e Montenegro sono cresciuti a tassi inferiori — com'è comprensibile, data la loro popolarità consolidata – ma alcune loro regioni hanno comunque vissuto un aumento massiccio del turismo straniero. E' il caso ad esempio della Macedonia orientale-Tracia, ovvero la regione più orientale della Grecia. Tra tutte le regioni europee, è proprio qui che il turismo straniero è cresciuto in assoluto di più negli ultimi anni: a partire dal 2013 i pernottamenti sono aumentati in media ogni anno del 33 per cento rispetto all'anno precedente. È una crescita spinta in larga parte dall'afflusso sempre più consistente di turisti bulgari e rumeni in Grecia (+750mila pernottamenti annuali nel 2014 rispetto al 2012), di cui beneficia soprattutto il litorale dell'Egeo a loro più vicino.

Il meglio del giornalismo europeo, ogni giovedì, nella tua casella di posta

Fonti dei dati: Eurostat; per il 2016 sono stati aggregati i dati mensili; per Albania, Bosnia Erzegovina, Kosovo, Montenegro e Serbia sono stati utilizzati i rispettivi dati nazionali.

Incorpora la mappa

Ti è piaciuto questo articolo? Noi siamo molto felici. È a disposizione di tutti i nostri lettori, poiché riteniamo che il diritto a un’informazione libera e indipendente sia essenziale per la democrazia. Tuttavia, questo diritto non è garantito per sempre e l’indipendenza ha il suo prezzo. Abbiamo bisogno del tuo supporto per continuare a pubblicare le nostre notizie indipendenti e multilingue per tutti gli europei. Scopri le nostre offerte di abbonamento e i loro vantaggi esclusivi e diventa subito membro della nostra community!

LIVE: raccontare la crisi dei rifugiati, sul campo

Il giornalista bielorusso Anton Trafimovitch e il greco Stavros Malichudis hanno raccontato per Voxeurop la situazione dei rifugiati in Europa e alle sue frontiere, in Grecia e Bielorussia. Una discussione sul lavoro del giornalista sul campo, in un momento in cui l’Europa fortezza si chiude ulteriormente.

Vedi l'evento >

Sei un media, un'azienda o un'organizzazione? Dai un'occhiata ai nostri servizi di traduzione ed editoriale multilingue.

Sostieni il giornalismo europeo indipendente

La democrazia europea ha bisogno di una stampa indipendente. Voxeurop ha bisogno di te. Unisciti a noi!

Sullo stesso argomento