Il Bitcoin non convince l’Autorità bancaria europea

Pubblicato il 13 Dicembre 2013 alle 13:43

L’Autorità bancaria europea ha messo in guardia gli investitori sui rischi legati alle fluttuazioni violente del tasso di scambio e alla sicurezza digitale per le persone che utilizzano valute virtuali come i Bitcoin, riporta il Financial Times.
L’avvertimento è il secondo emanato dall’autorità con sede a Londra, e arriva mentre le banche centrali hanno sempre più difficoltà nel gestire l’ascesa delle valute virtuali, al momento poco regolate. Il valore di queste valute può variare sensibilmente: il Bitcoin ha oscillato tra i 340 e i 1.240 dollari nel corso dell'ultima settimana. Secondo il Financial Times

Mentre gli investitori hanno adottato con entusiasmo le valute digitali, le autorità temono che il fenomeno possa alimentare la criminalità legata all’hacking di piattaforme e conti, alla corruzione, al riciclaggio di denaro e all’acquisto di droghe e armi. I supervisori Ue vogliono evidenziare “i possibili rischi” associati con gli acquisti, il possesso e lo scambio di valuta virtuale. Tra i rischi paventati c’è il pericolo che il portafogli digitale di un utente custodito sullo smartphone o sul portatile sia hackerato, spiega l’autorità.

Ti è piaciuto questo articolo? Noi siamo molto felici. È a disposizione di tutti i nostri lettori, poiché riteniamo che il diritto a un’informazione libera e indipendente sia essenziale per la democrazia. Tuttavia, questo diritto non è garantito per sempre e l’indipendenza ha il suo prezzo. Abbiamo bisogno del tuo supporto per continuare a pubblicare le nostre notizie indipendenti e multilingue per tutti gli europei. Scopri le nostre offerte di abbonamento e i loro vantaggi esclusivi e diventa subito membro della nostra community!

Sei un media, un'azienda o un'organizzazione? Dai un'occhiata ai nostri servizi di traduzione ed editoriale multilingue.

Sostieni il giornalismo europeo indipendente

La democrazia europea ha bisogno di una stampa indipendente. Voxeurop ha bisogno di te. Unisciti a noi!

Sullo stesso argomento