Vignetta Accordo commerciale Ue-Canada

Il CETA può attendere

Pubblicato il 27 Ottobre 2016 alle 20:21

Sala parto

L'Accordo economico e commerciale globael (Ceta) tra l'Ue e il Canada è in bilico, dopo che la regione belga della Vallonia ha rifiutato di autorizzare il governo belga a firmarlo. Gli altri paesi membri, la commissione e il parlamento europei sostengono il trattato, che è stato negoziato per sette anni e che deve essere ratificato dai 28 stati dell'Ue per entrare in vigore.

Secondo la costituzione belga le sette entità regionali e linguistiche che formano il Belgio devono approvare l'accordo. Mentre le Fiandre hanno detto di sì, Bruxelles e la comunità francofona sono opposte. Le loro riserve riguardano le garanzie sulle questioni sociali, ambientali e della protezione di consumatori, e le regole sull'arbitraggio. La firma dell'accordo, prevista per il 26 ottobre, è slittata a data da definire.

Lo stesso 26 ottobre, le entità belghe hanno adottato una posizione comune sul Ceta, aprendo la strada alla sua adozione da parte del parlamento federale, che deve discuterlo nei prossimi giorni. Il testo approvato dal Belgio dovrà poi essere adottato dagli altri 27 paesi dell'Ue.

Iscriviti alla newsletter di Voxeurop in italiano

Ti è piaciuto questo articolo? Noi siamo molto felici. È a disposizione di tutti i nostri lettori, poiché riteniamo che il diritto a un’informazione libera e indipendente sia essenziale per la democrazia. Tuttavia, questo diritto non è garantito per sempre e l’indipendenza ha il suo prezzo. Abbiamo bisogno del tuo supporto per continuare a pubblicare le nostre notizie indipendenti e multilingue per tutti gli europei. Scopri le nostre offerte di abbonamento e i loro vantaggi esclusivi e diventa subito membro della nostra community!

Sei un media, un'azienda o un'organizzazione? Dai un'occhiata ai nostri servizi di traduzione ed editoriale multilingue.

Sostieni il giornalismo europeo indipendente

La democrazia europea ha bisogno di una stampa indipendente. Voxeurop ha bisogno di te. Unisciti a noi!

Sullo stesso argomento