Patto di stabilità

Il diavolo è nei dettagli della riforma

Pubblicato il 19 Ottobre 2010 alle 10:33

Cover

"L'Europa riscrive il Patto di stabilità", titola Il Sole 24 Ore. Al vertice che dell'Eurogruppo che si è tenuto il 18 ottobre a Lussemburgo i ministri delle finanze dell'Unione hanno negoziato per 13 ore prima di trovare un accordo di principio tra il "partito tedesco" (Germania, Repubblica Ceca e Slovacchia) fautore del rigore assoluto e il "partito mediterraneo" (Francia, Italia, Belgio, Spagna, Portogallo e Grecia) che chiede più flessibilità. Il compromesso prevede la creazione di un "meccanismo robusto e permanente per affrontare in futuro le crisi in modo ordinato" e la sospensione del diritto di voto degli stati membri colpevoli di gravi violazioni del patto. Ma prima del prossimo incontro, nel marzo 2011, bisognerà chiarire diversi punti rimasti in sospeso. "Le sanzioni saranno più automatiche e più rapide di oggi ma ancora non siamo in possesso di tutti gli elementi per dire dove il patto verrà migliorato", ha dichiarato il presidente dell'Eurogruppo Jean-Claude Juncker. "Il diavolo è nei dettagli e i dettagli devono ancora venire".

Ti è piaciuto questo articolo? Noi siamo molto felici. È a disposizione di tutti i nostri lettori, poiché riteniamo che il diritto a un’informazione libera e indipendente sia essenziale per la democrazia. Tuttavia, questo diritto non è garantito per sempre e l’indipendenza ha il suo prezzo. Abbiamo bisogno del tuo supporto per continuare a pubblicare le nostre notizie indipendenti e multilingue per tutti gli europei. Scopri le nostre offerte di abbonamento e i loro vantaggi esclusivi e diventa subito membro della nostra community!

Sei un media, un'azienda o un'organizzazione? Dai un'occhiata ai nostri servizi di traduzione ed editoriale multilingue.

Sostieni il giornalismo europeo indipendente

La democrazia europea ha bisogno di una stampa indipendente. Voxeurop ha bisogno di te. Unisciti a noi!

Sullo stesso argomento