“Il ponte a Calafat-Vidin non fa primavera nelle infrastrutture romene”

Pubblicato il 17 Giugno 2013 alle 10:04

Cover

Soprannominato New Europe Bridge, il ponte sul Danubio che collega le città di Calafat, in Romania, e Vidin, in Bulgaria, è stato inaugurato il 14 giugno. È stato finanziato con i fondi di coesione europei ed è costato 300 milioni di euro. Fa parte del progetto di un corridoio pan-europeo che dovrebbe collegare la città tedesca di Dresda a Istanbul, in Turchia.
Inaugurato alla presenza del primo ministro romeno Victor Ponta, del suo omologo Plamen Orecharski e del commissario europeo incaricato della politica regionale Johannes Hahn, il ponte faciliterà soprattutto il trasporto merci.
Il cantiere è rimasto aperto 6 anni, e ora questo “vasto progetto dovrebbe cambiare l’economia della regione”, anche se lo stato delle autostrade romene collegate al ponte è “disastroso” e rende l’accesso molto difficile, sottolinea il quotidiano.

Ti è piaciuto questo articolo? Noi siamo molto felici. È a disposizione di tutti i nostri lettori, poiché riteniamo che il diritto a un’informazione libera e indipendente sia essenziale per la democrazia. Tuttavia, questo diritto non è garantito per sempre e l’indipendenza ha il suo prezzo. Abbiamo bisogno del tuo supporto per continuare a pubblicare le nostre notizie indipendenti e multilingue per tutti gli europei. Scopri le nostre offerte di abbonamento e i loro vantaggi esclusivi e diventa subito membro della nostra community!

Sei un media, un'azienda o un'organizzazione? Dai un'occhiata ai nostri servizi di traduzione ed editoriale multilingue.

Sostieni un giornalismo che non si ferma ai confini

Approfitta delle offerte di abbonamento oppure dai un contributo libero per rafforzare la nostra indipendenza

Sullo stesso argomento