Vignetta Crisi del debito

Il primo che salta è un vigliacco

Pubblicato il 22 Giugno 2015 alle 08:28

Dei negoziati dell'ultima ora tra paesi della zona euro devono riprendere lunedì 22 giugno per evitare il default della Grecia e una possibile uscita del paese dalla moneta unica. I ministri delle Finanze si incontrano a Bruxelles, seguiti dai leader nazionali per discutere delle ultime proposte di Atene su un accordo per sbloccare i 7,2 miliardi di euro di aiuti di cui la Grecia ha bisogno entro il 30 giugno.

Secondo I Kathimerini, il premier Alexis Tsipras

ha trascorso la domenica in una riunione di governo maratona e discusso al telefono la sua nuova proposta con i dirigenti tedeschi e francesi e la Commissione europea.

Dopo quattro mesi di discussioni sempre più accese un compromesso che consenta a tutti di salvare la faccia appare difficile: Atene insiste per la ristrutturazione del debito e rifiuta di compiere altri tagli alle prestazioni sociali, mentre i suoi creditori chiedono tagli supplementari e aumenti delle imposte.

Il meglio del giornalismo europeo, ogni giovedì, nella tua casella di posta

Categorie

Ti è piaciuto questo articolo? Noi siamo molto felici. È a disposizione di tutti i nostri lettori, poiché riteniamo che il diritto a un’informazione libera e indipendente sia essenziale per la democrazia. Tuttavia, questo diritto non è garantito per sempre e l’indipendenza ha il suo prezzo. Abbiamo bisogno del tuo supporto per continuare a pubblicare le nostre notizie indipendenti e multilingue per tutti gli europei. Scopri le nostre offerte di abbonamento e i loro vantaggi esclusivi e diventa subito membro della nostra community!

Sei un media, un'azienda o un'organizzazione? Dai un'occhiata ai nostri servizi di traduzione ed editoriale multilingue.

Sostieni il giornalismo europeo indipendente

La democrazia europea ha bisogno di una stampa indipendente. Voxeurop ha bisogno di te. Unisciti a noi!