In piazza contro la minaccia nucleare

Pubblicato il 27 Aprile 2011 alle 09:43

Cover

"No all'atomo", titola Lietuvos Rytas. Il 26 aprile, 25esimo anniversario della catastrofe di Chernobyl, circa 300 persone hanno sfilato dal Parlamento alla sede del governo lituano contro la costruzione di tre centrali nucleari nella regione: una in Lituania, una nell'enclave russa di Kaliningrad e una in Bielorussia. Si tratta della prima manifestazione di questo genere negli ultimi vent'anni. "Il velo del segreto copre lo spauracchio nucleare", scrive Lietuvos Rytas ricordando che all'inizio del mese di marzo Vladimir Putin e Aleksandr Lukashenko hanno siglato un accordo per la costruzione delle centrale di Astrava, in Bielorussia, a 50 chilometri dalla capitale lituana. Vilnius attende risposte da Minsk a proposito dello studio sull'impatto ambientale e cerca di opporsi al progetto: il governo sta infatti mettendo a punto un disegno di legge che proibirà l'acquisto di energia elettrica dalle centrali non sicure.

Ti è piaciuto questo articolo? Noi siamo molto felici. È a disposizione di tutti i nostri lettori, poiché riteniamo che il diritto a un’informazione libera e indipendente sia essenziale per la democrazia. Tuttavia, questo diritto non è garantito per sempre e l’indipendenza ha il suo prezzo. Abbiamo bisogno del tuo supporto per continuare a pubblicare le nostre notizie indipendenti e multilingue per tutti gli europei. Scopri le nostre offerte di abbonamento e i loro vantaggi esclusivi e diventa subito membro della nostra community!

Sei un media, un'azienda o un'organizzazione? Dai un'occhiata ai nostri servizi di traduzione ed editoriale multilingue.

Sostieni il giornalismo europeo indipendente

La democrazia europea ha bisogno di una stampa indipendente. Voxeurop ha bisogno di te. Unisciti a noi!

Sullo stesso argomento