“La nuova tattica dei manifestanti: molestie a domicilio”

Pubblicato il 29 Luglio 2013 alle 11:07

Cover

I manifestanti bulgari che protestano contro il governo hanno adottato una nuova tecnica per fare pressione sull’esecutivo: chiedere le dimissioni dei ministri direttamente al loro domicilio.
L’idea, racconta Pressa, è nata il 27 luglio quando alcuni manifestanti hanno deciso di recarsi davanti all’abitazione del ministro dell’interno, Tsvetlin Yovtchev, per chiedergli “sale, latte e olio”, “da buon vicino”, per poi essere fermati dalla polizia. In un ristorante di lusso di Sofia il ministro delle finanze Pétar Tchobanov si è ritrovato circondato dai manifestanti che gli hanno chiesto perché il governo si rifiuta di dimettersi.
Secondo il quotidiano, i manifestanti stanno provando un’altra strategia: inondano i politici di sms ironici come “camerati, Orecharski [il primo ministro bulgaro] si è dimesso. Ve l’avevo detto che non bisognava abbandonare Sofia”.

Sei un mezzo d'informazione, un'impresa o un'organizzazione? Scopri le nostre offerte di servizi editoriali su misura e di tradzuzione multilingue.

Sostieni il giornalismo europeo indipendente

La democrazia europea ha bisogno di mezzi d'informazione indipendenti. Voxeurop ha bisogno di te. Unisciti alla nostra comunità!

Sullo stesso argomento