Idee 27 Voci per l’Europa – Lussemburgo

La solidarietà del Granducato ha dei limiti

All'avvicinarsi delle elezioni europee del 23-26 maggio abbiamo chiesto a 27 giornalisti ed editorialisti di altrettanti paesi europei di spiegare quale è la principale posta in gioco nella campagna elettorale nel loro paese. Una serie realizzata in collaborazione con 27 giornali europei, fra i quali Internazionale per l'Italia.

Pubblicato il 30 Aprile 2019 alle 09:48
Miguel Ángel García  | Lussemburgo.

Il piccolo Lussemburgo è una grande eccezione: mentre le elezioni del parlamento europeo di maggio sono viste in tutto il continente come una lotta contro l’ascesa dei populisti euroscettici, nel granducato l’Ue non crea grandi divisioni. Qui i maggiori partiti sono tutti sostenitori di un’Unione forte e movimenti estremisti non ce ne sono. In nessun altro paese europeo l’Ue gode di un simile consenso. Per i lussemburghesi le elezioni europee non sono un campo di battaglia in cui si gioca il futuro del continente ma l’esercizio di un dovere mirato a eleggere sei parlamentari, meno dell’1 per cento dei seggi del parlamento europeo.

Che si parli di integrazione europea, di politica estera comune o di solidarietà nei confronti dei migranti, questo stato fondatore dell’Ue sostiene in ogni caso un maggiore sviluppo del progetto europeo. Ma c’è un ambito in cui, anche dopo le elezioni, i lussemburghesi continueranno probabilmente a essere meno entusiasti nei confronti dell’Europa: le politiche fiscali. In questo terreno, lo stato di 600mila abitanti che viene spesso apostrofato come “paradiso fiscale” difende con decisione i propri interessi nazionali. La solidarietà europea ha i suoi limiti, anche per il Lussemburgo.

“Non possiamo darci delle regole che limitino la nostra competitività e di conseguenza anche la nostra crescita”, ha affermato il premier del Lussemburgo Xavier Bettel parlando del progetto della Commissione europea di introdurre la web tax. Gli sforzi dell’Ue per armonizzare i sistemi fiscali dei paesi si scontrano immancabilmente con la resistenza dei governi lussemburghesi. Un atteggiamento difensivo che si è palesato anche in occasione del dibattito sull’opportunità di abolire l’obbligo di unanimità per le decisioni riguardanti le questioni fiscali dell’Ue. “Non con noi”, risponde con cortesia ma irremovibilità, il Lussemburgo. […] Leggi l'articolo intero su Internazionale.it

Ti è piaciuto questo articolo? Noi siamo molto felici. È a disposizione di tutti i nostri lettori, poiché riteniamo che il diritto a un’informazione libera e indipendente sia essenziale per la democrazia. Tuttavia, questo diritto non è garantito per sempre e l’indipendenza ha il suo prezzo. Abbiamo bisogno del tuo supporto per continuare a pubblicare le nostre notizie indipendenti e multilingue per tutti gli europei. Scopri le nostre offerte di abbonamento e i loro vantaggi esclusivi e diventa subito membro della nostra community!

Sei un media, un'azienda o un'organizzazione? Dai un'occhiata ai nostri servizi di traduzione ed editoriale multilingue.

Sostieni il giornalismo europeo indipendente

La democrazia europea ha bisogno di una stampa indipendente. Voxeurop ha bisogno di te. Abbònati!

Sullo stesso argomento