“Sale la tensione tra i rifugiati”

Pubblicato il 22 Novembre 2013 alle 12:08

Cover

Dopo una sciopero della fame nel campo profughi di Harmanli contro le condizioni riservate ai rifugiati, tocca a un centro di accoglienza di Sofia ribellarsi dopo la morte di un siriano di 35 anni, riporta Sega.
Arrivato nella capitale con la moglie e tre bambini, l’uomo si era lamentato invano e a più riprese di dolori al petto. Secondo i medici del pronto soccorso, arrivati soltanto dopo la sua morte, l’uomo è stato stroncato da un infarto. I suoi connazionali hanno lanciato pietre contro l’ambulanza e contro gli agenti arrivati per ristabilire l’ordine.
Dall’inizio dell’estate circa diecimila persone, soprattutto siriani in fuga dalla guerra, hanno superato illegalmente la frontiera bulgara. Secondo le autorità di Sofia il paese può accoglierne solo la metà.

Ti è piaciuto questo articolo? Noi siamo molto felici. È a disposizione di tutti i nostri lettori, poiché riteniamo che il diritto a un’informazione libera e indipendente sia essenziale per la democrazia. Tuttavia, questo diritto non è garantito per sempre e l’indipendenza ha il suo prezzo. Abbiamo bisogno del tuo supporto per continuare a pubblicare le nostre notizie indipendenti e multilingue per tutti gli europei. Scopri le nostre offerte di abbonamento e i loro vantaggi esclusivi e diventa subito membro della nostra community!

Sei un media, un'azienda o un'organizzazione? Dai un'occhiata ai nostri servizi di traduzione ed editoriale multilingue.

Sostieni il giornalismo europeo indipendente

La democrazia europea ha bisogno di una stampa indipendente. Voxeurop ha bisogno di te. Unisciti a noi!

Sullo stesso argomento