Voxeurop community Natalonga per l’Europa 2021

A Ventotene una Natalonga per un’Europa più unita e solidale

L’isola dove furono mandati al confino i padri fondatori della costruzione europea Altiero Spinelli ed Ernesto Rossi è stata teatro anche quest’anno della Natalonga per l’Europa in ricordo del Manifesto federalista, e di un’inedita iniziativa per portare il dibattito sul futuro del continente fra i cittadini, di cui fa parte anche Voxeurop.

Pubblicato il 18 Luglio 2021 alle 18:22

Ventotene – Per tutti coloro che si interessano alla costruzione dell’Europa unita, il nome Ventotene evoca il Manifesto federalista europeo scritto da Altiero Spinelli ed Ernesto Rossi dal confino al quale il regime fascista li aveva condannati nell’isola al largo di Gaeta, a nord di Napoli. 

Quest’anno si celebrano gli 80 anni dalla redazione del Manifesto, che fu esfiltrato clandestinamente da Ventotene e pubblicato nel 1944 da Eugenio Colorni. In questa occasione diverse associazioni civiche filoeuropee – fra le quali EuropaNow!, ACMOS e Benvenuti in Italia – hanno organizzato il 17 luglio un’edizione speciale della Natalonga per l’Europa, la manifestazione sportiva che collega simbolicamente l’isola di Santo Stefano, dove si trova lo storico carcere borbonico, alla spiaggia di Calanave, a Ventotene. Lo scopo della manifestazione, ormai giunta alla terza edizione, è di riaffermare i valori fondanti dell’Unione e rivendicare una nuova Europa basata sull’uguaglianza dei diritti. 

© GP Accardo

Una settantina di nuotatrici e nuotatori, fra i quali alcuni campioni italiani e locali e la pronipote di Altiero Spinelli, Aria, si sono imbarcati per Santo Stefano a fine mattinata e hanno percorso in un mare non calmissimo i 1.700 metri che li separavano dalla spiaggia di sabbia vulcanica di Calaneve, scortati da volontari in canoa. Sono stati accolti all’arrivo da organizzatori, autorità e  bagnanti.

La Natalonga 2021 | © EuropaNow!

Quest’anno la Natalonga riveste un carattere particolare, perché coincide con la Conferenza sul Futuro dell’Europa, la consultazione lanciata a maggio per riflettere e discutere sull’Unione europea di domani.  "In occasione della Conferenza dobbiamo ispirarci alla lungimiranza degli autori del Manifesto” – ha dichiarato in proposito Eric Jozsef, co-fondatore di EuropaNow!, sottolineando come “i mesi bui della pandemia ci hanno ricordato quanto l'Europa sia una costruzione essenziale. Rimane però da portare a termine il sogno dei padri fondatori, superare le resistenze degli stati nazionali, per realizzare una Unione ancora più forte e vicina ai cittadini".

Il meglio del giornalismo europeo, ogni giovedì, nella tua casella di posta

© GP Accardo

"Bisogna raccontare a tutti e soprattutto ai giovani, quello che è accaduto nel '900, chi erano quei confinati a Ventotene e perché li avevano mandati lì. La memoria è la cosa più importante, perché se noi facciamo di tutto per dimenticare quello che abbiamo fatto, allora tutto può ricominciare esattamente come prima", ha per parte sua dichiarato la scrittrice italo-ungherese Edith Bruck, Premio Strega Giovani 2021 con il romanzo Il pane perduto, madrina della manifestazione.

L’isola è così stata “invasa” nei giorni scorsi dall’allegro gruppo dei partecipanti, riconoscibili dalle magliette grigie con l’hashtag #CoFoE della Conferenza o quello della #Natalonga. 

Natalonga participants
I partecipanti alla Natalonga 2021 | © EuropaNow!

La Natalonga è anche stata l’occasione per la presentazione al pubblico del  progetto EuReCa – European Republican Cafés – una rete di caffè che saranno altrettanti luoghi di confronto sul futuro dell'Unione, con l'obiettivo di aprire la strada a una Repubblica d'Europa. Oltre alle tre associazioni promotrici della Natalonga, il progetto è portato anche da Voxeurop e dai nostri partner di European Democracy Lab di Berlino e di New Europeans, a Londra.

La presentazione degli European Republican Café | © GP Accardo

Nei prossimi mesi Voxeurop organizzerà insieme a loro degli incontri con i lettori e i cittadini per scambiare opinioni, idee e proposte sull’Europa unita, solidale e democratica che anche noi auspichiamo. A conclusione della manifestazione, domenica 18, è stata lanciata in aria una mongolfiera – altra specialità dell’isola – con i colori di EuropaNow!, come auspicio che il messaggio dei Padri fondatori dell’Europa unita possa viaggiare alto e lontano.




Ti è piaciuto questo articolo? Noi siamo molto felici. È a disposizione di tutti i nostri lettori, poiché riteniamo che il diritto a un’informazione libera e indipendente sia essenziale per la democrazia. Tuttavia, questo diritto non è garantito per sempre e l’indipendenza ha il suo prezzo. Abbiamo bisogno del tuo supporto per continuare a pubblicare le nostre notizie indipendenti e multilingue per tutti gli europei. Scopri le nostre offerte di abbonamento e i loro vantaggi esclusivi e diventa subito membro della nostra community!

Sei un media, un'azienda o un'organizzazione? Dai un'occhiata ai nostri servizi di traduzione ed editoriale multilingue.

Sostieni il giornalismo europeo indipendente

La democrazia europea ha bisogno di una stampa indipendente. Voxeurop ha bisogno di te. Unisciti a noi!

Sullo stesso argomento