“Aspettando Sigmund e Bjarni”

Pubblicato il 29 Aprile 2013 alle 09:49

Cover

Le elezioni legislative del 27 aprile si sono concluse con la sconfitta del governo socialdemocratico di Jóhanna Sigurðardóttir e il ritorno al potere del centrodestra. Con il 27 per cento dei voti, il Partito dell’indipendenza di Bjarni Benediktsson ha ottenuto 19 seggi sui 63 così come il Partito del progresso di Sigmundur Davíð Gunnlaugsson (24,43 per cento delle preferenze).

Con il 12,9 per cento dei voti l’Alleanza socialdemocratica ottiene 9 seggi, mentre il Partito pirata (5,1 per cento) ne conquista 3, diventando il primo del suo genere a entrare in un parlamento nazionale.

Il Partito dell’indipendenza e quello del progresso hanno avviato le trattative per la formazione di un governo di coalizione che probabilmente sarà guidato da Benediktsson (43 anni), nonostante anche Gunnlaugsson rivendichi l’incarico di primo ministro, spiega Fréttablaðið.

Il meglio del giornalismo europeo, ogni giovedì, nella tua casella di posta

Morgunblaðið sottolinea chei due partiti

sono scettici riguardo al processo di integrazione con l’Unione europea, e la loro forza potrebbe ritardare l’ingresso dell’Islanda nell’Ue.

Ti è piaciuto questo articolo? Noi siamo molto felici. È a disposizione di tutti i nostri lettori, poiché riteniamo che il diritto a un’informazione libera e indipendente sia essenziale per la democrazia. Tuttavia, questo diritto non è garantito per sempre e l’indipendenza ha il suo prezzo. Abbiamo bisogno del tuo supporto per continuare a pubblicare le nostre notizie indipendenti e multilingue per tutti gli europei. Scopri le nostre offerte di abbonamento e i loro vantaggi esclusivi e diventa subito membro della nostra community!

Sei un media, un'azienda o un'organizzazione? Dai un'occhiata ai nostri servizi di traduzione ed editoriale multilingue.

Sostieni il giornalismo europeo indipendente

La democrazia europea ha bisogno di una stampa indipendente. Voxeurop ha bisogno di te. Unisciti a noi!

Sullo stesso argomento