Atene va in pensione

Per scongiurare il rischio di uscire dall'euro, il governo greco ha approvato nuove misure d'austerity alla vigilia della riunione dell'Eurogruppo. La classe politica del paese è ormai con le spalle al muro.

Pubblicato il 9 Febbraio 2012 alle 16:03

Nella fase drammatica che viviamo dall'8 febbraio, la Grecia non ha saputo rispettare, come auspicato, il ricatto imposto dai suoi creditori. I partiti hanno risposto “sì a tutto”, tranne che a una riduzione delle pensioni. Su questo punto i creditori sembrano aver concesso il tempo necessario a stabilizzare gli obiettivi, ma di fatto l’ultimatum della troïka è stato accettato.

La Grecia si è battuta per le pensioni, e in questa situazione ciò è sicuramente un merito. Ma il caos imperversa: l’ulteriore recessione che sarà innescata dalle prossime misure di austerity non è stata contabilizzata. Se a gennaio le entrate sono precipitate, gli obiettivi strutturali di riduzione del deficit non sono stati raggiunti, mentre pace sociale e sviluppo sono lontani.

La nostra permanenza nella moneta unica è a rischio come prima, forse ancor di più. Nulla è certo o garantito, in quanto molto semplicemente tutto ciò che accadrà non sarà finalizzato a restare nell’euro, ma solo a rimborsare il debito. Ed è proprio questo il tallone d’Achille di questi negoziati.

Così la Grecia se ne va in pensione: dopo l'accordo sull’austerity e l'eventuale approvazione del parlamento, la nostra sovranità nazionale avrà perso significato. Diverrà possibile imporci qualsiasi misura, e a prescindere da quali saranno gli sviluppi politici saremo condotti all’impasse, con un’esplosione della concorrenza non tanto nell’economia greca, ma tra la società e la sua rappresentanza politica, tra la recessione e la speranza di una ripresa ormai moribonda.

Abbònati alla newsletter di Voxeurop in italiano

Il paese sembra ormai indirizzato verso un periodo simile a una tregua tra due guerre, e ciò ridurrà ancor più le speranze di “vedere la luce in fondo al tunnel”, senza peraltro aver portato a buon fine alcuna riforma nazionale. Siamo dunque arrivati a distruggere la nostra posizione all’interno della moneta unica, e le cose peggioreranno in quanto le restrizioni diverranno più rigide e pesanti invece che alleggerirsi.

Restare nell’euro, a prescindere da tutto ciò che può capitare, per non distruggere la nostra società: questa è l’unica cosa che i nostri leader avrebbero dovuto negoziare. Invece è l’unica cosa di cui non ha fatto parola il ministro delle finanze in partenza per la riunione dei ministri della zona euro (il 9 febbraio): "Parto per Bruxelles sperando che la riunione dell’Eurogruppo si svolga porti a una decisione positiva sul programma di aiuti finanziari. La sopravvivenza del paese nei prossimi anni dipende da questo finanziamento e dalla riduzione del debito. Da questo, in definitiva, dipenderà il posto che occuperà il nostro paese nella zona euro e anche in Europa".

Ma è l’unico a dire queste cose, e la realtà dei fatti dice il contrario.

Negoziati

Un altro accordo, un altro sciopero

I partiti che sostengono il governo di Lucas Papademos hanno raggiunto un accordo sulle nuove misure d'austerity chieste dalla troika Ue-Bce-Fmi in cambio di un nuovo piano di aiuti, riferisce il Financial Times. Il piano da 130 miliardi di euro dovrebbe scongiurare il default della Grecia. L'accordo è stato raggiunto a poche ore da una cruciale riunione dei ministri delle finanze dei paesi della zona euro, che devono pronunciarsi sul piano. I principali sindacati greci lo hanno già definito iniquo e hanno convocato uno sciopero di due giorni a partire dal 10 febbraio.

Ti è piaciuto questo articolo? Ci fa piacere! È in libero accesso perché per noi il diritto a un’informazione libera e indipendente è essenziale per la democrazia. Ma questo diritto non è garantito per sempre e l’indipendenza ha un costo. Abbiamo bisogno del tuo sostegno per continuare a pubblicare degli articoli in diverse lingue e in totale indipendenza per tutti gli europei. Scopri le nostre offerte di membership e i loro vantaggi esclusivi, ed entra a far parte sin da ora della community di Voxeurop!

Sei un mezzo d'informazione, un'impresa o un'organizzazione? Scopri le nostre offerte di servizi editoriali su misura e di traduzione multilingue.

Sostieni il giornalismo europeo indipendente

La democrazia europea ha bisogno di mezzi d'informazione indipendenti. Voxeurop ha bisogno di te. Unisciti alla nostra comunità!

Sullo stesso argomento