Gran Bretagna
New Statesman, 27 gennaio 2009

Blair nega tutto

Pubblicato il 29 Gennaio 2010 alle 16:50
New Statesman, 27 gennaio 2009

Cover

Il 29 gennaio Tony Blair è comparso davanti alla commissione d'inchiesta sull'Iraqpresieduta da John Chilcot per spiegare le ragioni che l'hanno spinto a coinvolgere il suo paese nell'invasione dell'Iraq nel 2003. L'ex premier britannico continua a giustificare l'attacco, adducendo il fatto che secondo i servizi segreti Saddam Hussein disponeva di armi di distruzione di massa. Ma i media sono sempre meno disposti a credergli.

Il settimanale di sinistra New Statesman pubblica le testimonianze di consulenti del governo le cui indicazioni erano state ignorate dal premier nelle settimane precedenti l'invasione. "Le rivelazioni e i rapporti indicano che Blair, malgrado le sue smentite, non voleva disarmare l'Iraq ma rovesciare Saddam, e la sua intenzione risale a un anno prima dell'invasione". La rivista cita un eminente giurista che invita la commissione Chilcot a dichiarare l'intervento illegale, echeggiando le campagne che vogliono che Blair sia processato per crimini di guerra.

Abbònati alla newsletter di Voxeurop in italiano

Ti è piaciuto questo articolo? Ci fa piacere! È in libero accesso perché per noi il diritto a un’informazione libera e indipendente è essenziale per la democrazia. Ma questo diritto non è garantito per sempre e l’indipendenza ha un costo. Abbiamo bisogno del tuo sostegno per continuare a pubblicare degli articoli in diverse lingue e in totale indipendenza per tutti gli europei. Scopri le nostre offerte di membership e i loro vantaggi esclusivi, ed entra a far parte sin da ora della community di Voxeurop!

Sei un mezzo d'informazione, un'impresa o un'organizzazione? Scopri le nostre offerte di servizi editoriali su misura e di traduzione multilingue.

Sostieni il giornalismo europeo indipendente

La democrazia europea ha bisogno di mezzi d'informazione indipendenti. Voxeurop ha bisogno di te. Unisciti alla nostra comunità!

Sullo stesso argomento