“Bruxelles si inchina agli Usa sulla protezione dei dati”

Pubblicato su 13 Giugno 2013 alle 09:27

Cover

Nel 2012 l’amministrazione Obama ha convinto la Commissione europea a rivedere la sua legislazione sulla protezione dei dati e a cancellare una clausola che avrebbe impedito alle agenzie americane di intercettare conversazioni e scambi di mail internazionali.
Il quotidiano economico sottolinea che la clausola “avrebbe annullato tutte le richieste di Washington alle compagnie telefoniche e tecnologiche per la consegna di dati sui cittadini Ue”, come quelle rivelate nel recente scandalo Prism.
Il commissario europeo alla giustizia Viviane Reding aveva sconsigliato di cancellare la misura, ma la maggior parte degli altri commissari pensava che andasse rimossa dalla legislazione perché avrebbe avuto uno scarso peso legale e avrebbe irritato gli Usa, alleato fondamentale dell’Europa.

Sei un mezzo d'informazione, un'impresa o un'organizzazione? Scopri le nostre offerte di servizi editoriali su misura e di tradzuzione multilingue.

Sostieni il giornalismo europeo indipendente

La democrazia europea ha bisogno di mezzi d'informazione indipendenti. Voxeurop ha bisogno di te. Unisciti alla nostra comunità!

Sullo stesso argomento