Spazio Schengen

Bucarest e Sofia devono fare di più

Pubblicato il 9 Febbraio 2012 alle 11:15

"Il rapporto Mcv può aprire le porte di Schengen?", si domanda România Liberă. L’8 febbraio è stato presentato il rapporto provvisorio del Meccanismo di cooperazione e verifica (Mcv) sullo stato delle riforma giudiziaria e della lotta contro criminalità e corruzione in Romania e Bulgaria, candidate a entrare nello spazio di libera circolazione.

Secondo il rapporto Bucarest e Sofia hanno fatto progressi, ma la lotta alla corruzione ai vertici dell’amministrazione è ancora lunga, soprattutto in Romania. Bucarest dovrebbe decretare la responsabilità dei magistrati e scoraggiare la corruzione attraverso punizioni esemplari e la confisca dei beni ottenuti in maniera illecita.

L’Mcv chiede inoltre la messa in atto di una strategia nazionale anticorruzione e l’esclusione dal parlamento dei deputati e senatori già condannati. Malgrado i progressi del paese, il ministro agli affari europei Leonard Orban ha confidato al quotidiano che i Paesi Bassi, principale avversario dell’ingresso di Romania e Bulgaria nello spazio Schengen, non cambieranno opinione prima della presentazione del rapporto definitivo dell’Mcv, atteso in estate.

In Bulgaria la pubblicazione del rapporto intermedio è stata eclissata dalle notizie sul mal tempo e dal lutto nazionale dichiarato in memoria delle otto vittime dell’inondazione nel villaggio di Bisser. Il quotidiano online Mediapool definisce "molto critico" il rapporto e sottolinea che per la prima volta non viene menzionata la "volontà politica" di Sofia di combattere la corruzione e realizzare le necessarie riforme del sistema giudiziario.

Sei un mezzo d'informazione, un'impresa o un'organizzazione? Scopri le nostre offerte di servizi editoriali su misura e di tradzuzione multilingue.

Sostieni il giornalismo europeo indipendente

La democrazia europea ha bisogno di mezzi d'informazione indipendenti. Voxeurop ha bisogno di te. Unisciti alla nostra comunità!

Sullo stesso argomento