Un'immagine del video promozionale per la Fiera dell'immobile portoghese di Rio de Janeiro

Camera con visto

Per alleviare la crisi finanziaria il governo di Lisbona ha varato una legge che garantisce un permesso di soggiorno a chi compra casa o investe nel paese, nella speranza di attirare i ricchi interessati a un passaporto Ue.

Pubblicato il 9 Gennaio 2013 alle 12:25
MIP  | Un'immagine del video promozionale per la Fiera dell'immobile portoghese di Rio de Janeiro

Prima di Natale a Rio de Janeiro si è tenuta una fiera immobiliare un po' particolare. Gli agenti immobiliari sono arrivati con quasi un migliaio di offerte di case e di appartamenti in Portogallo. La loro offerta principale non erano ville di lusso in Algarve, ma un regalo riservato ai compratori di immobili portoghesi: un permesso di soggiorno permanente, valido non solo per il Portogallo ma per tutti i paesi d'Europa.

La legge votata dal governo in ottobre è ormai soprannominata "visto d'oro". Si tratta di un programma importante diretto ad attirare in Portogallo gli investitori extraeuropei - e con loro i capitali che dovrebbero permettere al paese di uscire dalla crisi. Dalla primavera 2011 il paese fa ricorso al denaro del fondo di salvataggio dell'Ue, della Banca centrale europea e del Fondo monetario internazionale, ma le riforme che in cambio il Portogallo dovrebbe adottare sembrano arrancare. La popolazione si oppone alle misure di rigore e il programma di privatizzazioni fa fatica a decollare.

Da qui l'idea di fare appello agli stranieri. Il ministro degli esteri Paulo Portas ha impiegato mesi per convincere i suoi partner europei, dato che il titolo di soggiorno portoghese vale anche per gli altri paesi dell'Unione. Di conseguenza gli investitori che il Portogallo attira potrebbero in teoria trasferirsi a Parigi, Berlino o Madrid.

Per questo motivo i criteri di selezione sono stretti. Infatti viene chiesto agli investitori di versare almeno un milione di euro in una società portoghese, di creare almeno 30 posti nel paese o di comprare un bene immobile di un valore minimo di 500mila euro. Quando una di queste condizioni è soddisfatta, viene concesso un visto "iniziale" di due anni. Questo visto potrà essere convertito in permesso di soggiorno permanente o addirittura in un passaporto portoghese se gli investitori manterranno il loro capitale per più di cinque anni nel paese.

Il meglio del giornalismo europeo, ogni giovedì, nella tua casella di posta

La legge si rivolge soprattutto agli investitori delle ex colonie del Portogallo: Brasile, Angola e Mozambico. Ed è in Brasile, dove sono emigrati molti disoccupati portoghesi, che questa nuova legislazione incontra il maggiore interesse, oltre all’Angola. A metà dicembre il ministro dell'economia Álvaro Santos Pereira è andato a promuovere questa iniziativa in Turchia, dove molti hanno già abbandonato l'idea di entrare a far parte dell'Ue. "Venite in Portogallo", ha affermato il ministro agli imprenditori turchi. "Vi sentirete come a casa vostra".

I destinatari dell'offerta sembrano molto interessati. Il vicepresidente della camera di commercio e dell'industria di Rio de Janeiro, Frederico da Cunha, parla del Portogallo come della "porta dell'Europa". Questo non deve stupire, visto che il Brasile è uno dei principali partner commerciali dell'Ue, verso la quale esporta soprattutto dei prodotti agricoli. Purtroppo i negoziati su un accordo di libero-scambio fra l'Ue e lo spazio economico del Mercosur segnano il passo da anni per colpa della Francia, preoccupata per la sua agricoltura.

Per le piccole e medie imprese, che non hanno a disposizione miliardi da investire, l'acquisto di un immobile rimane ancora il mezzo più semplice per ottenere un permesso di soggiorno, osserva Paulo Lourenço, console generale del Portogallo a San Paolo.

I visitatori della fiera di Rio de Janeiro erano sorpresi di vedersi proporre dei prodotti di grande qualità, compresi alberghi molto ben situati a dei prezzi inferiori della metà rispetto a immobili simili nella parte meridionale di Rio. In media in Portogallo il metro quadrato si compra a 2.213 euro. In Europa solo la Lituania, la Romania e Cipro offrono prezzi inferiori.

Rischio riciclaggio

Nel frattempo anche la Spagna pensa di adottare un testo simile alla legge portoghese. Ma qui i prezzi dei terreni, che rimangono elevati, dovrebbero attirare meno investitori. Infatti in Spagna il metro quadrato arriva a quasi quattromila euro. Inoltre molti spagnoli sono ostili al progetto. L'annuncio del sottosegretario al Commercio Jaime García-Legaz, secondo cui russi e cinesi avrebbero potuto ottenere un permesso di soggiorno comprando un immobile per un valore di soli 160mila euro, è stato preso come un affronto.

Alcune organizzazioni di difesa dei diritti dell'uomo criticano il governo, accusato di attirare investitori ricchi che non fanno nulla per il paese e di abbandonare invece alla loro sorte gli immigrati che sono arrivati nel periodo del boom e che si ritrovano oggi senza un lavoro né un alloggio. Alcuni economisti e associazioni hanno ricordato che l'acquisto di case è uno strumento utilizzato per riciclare il denaro sporco. Negli anni del boom edilizio sono scoppiati in Spagna diversi scandali immobiliari legati a importanti somme di denaro di origine poco chiara.

Per ora il ministro degli esteri Portas non vuole rivelare quante domande di investitori interessati a ottenere un permesso di soggiorno portoghese il governo spera di ottenere. Ma assicura che le regole dello spazio di Schengen saranno rispettate alla lettera e che il Portogallo controllerà che solo gli investitori ritenuti "al di sopra di ogni sospetto" possano ottenere un permesso di soggiorno.

Ti è piaciuto questo articolo? Noi siamo molto felici. È a disposizione di tutti i nostri lettori, poiché riteniamo che il diritto a un’informazione libera e indipendente sia essenziale per la democrazia. Tuttavia, questo diritto non è garantito per sempre e l’indipendenza ha il suo prezzo. Abbiamo bisogno del tuo supporto per continuare a pubblicare le nostre notizie indipendenti e multilingue per tutti gli europei. Scopri le nostre offerte di abbonamento e i loro vantaggi esclusivi e diventa subito membro della nostra community!

Sei un media, un'azienda o un'organizzazione? Dai un'occhiata ai nostri servizi di traduzione ed editoriale multilingue.

Sostieni il giornalismo europeo indipendente

La democrazia europea ha bisogno di una stampa indipendente. Voxeurop ha bisogno di te. Unisciti a noi!

Sullo stesso argomento